Comunicazione, New media

27 marzo 2015 | 16:06

La futura Silicon Valley è in Russia, e si chiama Innopolis. Città costruita da zero lontano da Mosca, è il nuovo centro di eccellenza dell’Ict

(askanews) La Russia non è semplicemente la patria degli hacker. L’Information and Communications Technology (Ict) continua ad essere uno dei settori più aperti e di crescita nel Paese, che è leader in Europa per numero di utenti internet: circa 70 milioni nel 2014.

Dmitry Medvedev (Telegraph.co.uk)

Il mercato russo di prodotti e servizi informatici è stato valutato intorno ai 23 miliardi di dollari nel 2013. Ed è in crescita anche in tempi di crisi: la futura Silicon Valley russa si chiama Innopolis. In occidente se ne parla poco, perchè a differenza della più artificiale Skolkovo, fuori Mosca, si trova presso il capoluogo Kazan.

Situata in una posizione pittoresca sul grande fiume Volga, a un’ora e mezza di volo da Mosca, Innopolis è la prima città nella storia moderna russa ad essere stata costruita completamente da zero. Una nuova città sulla mappa del mondo, in cui si sviluppano le migliori soluzioni innovative, commerciali e di servizi. Forse ha investito meno in comunicazione rispetto a Skolkovo, ma resta comunque la vera novità nel panorama industriale russo. “Esistono due modi di intendere le zone economiche speciali” afferma Vittorio Torrembini. , organizzatore del prossimo road show in Italia dedicato proprio questi parchi industriali russi a maggio.
“Uno è Skolkovo, dove sono stati i residenti a decidere di creare un parco IT. Un’altra è Innopolis, dove al contrario il Tatarstan ha creato una struttura per attirare investimenti e fare innovazione.”

Una strategia che non è nuova per Kazan. A fine anni Novanta mandarono a spese della regione mille dei loro migliori studenti all’Ovest. “Tra loro c’era anche Igor Nosov, l’attuale direttore di Innopolis” ricorda Torrembini. “Oltre a molti altri che poi entrarono nell’amministrazione pubblica della Repubblica federata. Una mossa che negli anni si è rivelata intelligente. Come anche la stessa Innopolis, scelta non casuale.

Si tratta di uno dei più grandi centri economici, industriali, scientifici e culturali in Russia di alto livello, in una delle migliori regioni per fare affari, nota per l’eccellente qualità dell’istruzione superiore e ambiente scientifico, che vanta una delle più efficienti zone economiche speciali della Russia (Elabuga).

Innopolis è stata lanciata ufficialmente nel 2012, quando l’attuale primo ministro Dmitry Medvedev ha deposto una capsula con un messaggio ai futuri residenti del sito. In soli due anni, un enorme lavoro di progettazione e costruzione di nuove infrastrutture della città. Una volta aperta alle imprese, una città intelligente, con un ecosistema innovativo unico, tra cui una zona economica speciale, una università (prima a specializzarsi esclusivamente in tecnologie informatiche in Russia con un campur di 36 mila metri quadrati e altri 30 mila di centro ricerca), una gamma completa di infrastrutture sociali, commerciali e abitazioni (scuole, asili, ospedali, centri commerciali, ristoranti, condomini, villette a schiera e ville). Un ambiente che si propone ideale per lo sviluppo e il successo di progetti innovativi. (askanews, 27 marzo 2015)