Mercato

30 marzo 2015 | 15:23

Al via la 52ma edizione della Fiera internazionale del Libro per ragazzi di Bologna

Buone notizie in apertura della 52ma edizione della Fiera internazionale del Libro per ragazzi di Bologna (30 marzo- 2 aprile). Il mercato dell’editoria per ragazzi incrementa il segno +, chiudendo con un + 5,7% complessivo (pari a oltre 168,2milioni di euro) rispetto al 2013 nei canali trade (esclusa la Grande distribuzione organizzata – dati Nielsen per Associazione Italiana Editori – AIE). Crescono le vendite della fascia dei bambini 6-9anni (+5,6%, raggiungendo così i 67milioni di euro) e di quella dei 10-13enni (+15,9%, il segmento supera i 34milioni di euro). Più contenuto l’incremento di fatturato dei libri per i piccolissimi (0-5 anni), +1,5%), che resta centrale con un fatturato di oltre 64milioni di euro.

I più piccoli, come sottolinea il comunicato stampa, leggono anche più della media nazionale (ma meno del 2013). Crescono tutti gli indicatori: numero di case editrici, numero di titoli, numero degli ebook prodotti (che più che crescere, raddoppiano). “Un settore che si conferma sano – ha commentato Francesca Archinto, coordinatrice del gruppo editori per ragazzi di AIE -. Secondo Nielsen le performance risultano particolarmente positive per i libri per bambini dai 6 ai 9 anni, che pesano da soli per il 40,3% del fatturato ragazzi, e confermate per quelle della fascia 0-5anni, che rappresentano un altro 38,6%. Proprio la fascia dei libri per bambini in età prescolare è quella che negli ultimi anni ha avuto una maggiore crescita, recuperando un gap rispetto gli altri Paesi accumulato negli anni passati”.
I più piccoli leggono più della media degli italiani (ma meno del 2012): se in media è il 41% degli italiani a leggere almeno un libro in un anno (dati Istat), per la fascia 2-5 anni si arriva al 63,3%, per quella 6-10 al 44,6%, per quella 11-14 anni al 53,5%, per quella 15-17 anni al 51,1%. Sono però percentuali in diminuzione rispetto al 2013.