07 aprile 2015 | 13:20

La pubblicità su mobile supera quella su pc. Le previsioni di eMarketer per il mercato americano

Negli Stati Uniti quest’anno la pubblicità su mobile per le due categorie “search” e “display” supererà la spesa per pubblicità su desktop. Lo dice uno studio di eMarketer. “Per la prima volta gli investitori pubblicitari spenderanno più per raggiungere i clienti che usano dispositivi mobile che quelli che usano i pc”.

eMarketer pubblicità mobile

Si parla di 52,71 miliardi solo per le inserzioni “search” e “display”, più del 16,6% rispetto al 2014. Ma c’è un altro elemento che sta cambiando ed è il focus dalla piattaforma all’utente. “La più grande sfida che abbiamo davanti è spostarci verso un marketing che abbia al centro il consumatore, è un cambiamento fondamentale” spiega Chad Gallagher, global director mobile di Aol. I pubblicitari stanno quindi pensando in modo più ‘olistico’ considerando l’esperienza del cliente sui diversi dispositivi invece di concentrarsi su un device alla volta. Come mostra la tabella di seguito i millennials

eMarketer pubblicità mobile 2

Digital Advertisers Focus on Holistic Customer Experience (eMarketer, 3 aprile 2015)

The much-anticipated shift toward mobile will occur this year in the two largest digital advertising categories: search and display. For the first time, US advertisers will spend more in these areas to reach consumers on mobile devices than desktop computers, according to a new eMarketer report, “The State of US Digital Advertising 2015: Mobile Trumps Desktop, People Trump Devices.”
eMarketer estimates US advertisers will spend $52.71 billion on search and display advertising in 2015, up 16.6% from the prior year. In an effort to catch up with consumers toting smartphones and tablets, more than half (52.2%) of this expenditure is expected to go toward mobile campaigns.

Devices take center stage at the budgetary and tactical level, but strategically, marketers are focusing less on devices and more on people, specifically connecting with consumers wherever and whenever they access the web.

Continua su eMarketer