Manager

07 aprile 2015 | 16:39

Alessandra Romani e Alexandra Todero, direttori creativi di Superegg

Superegg sceglie una coppia tutta al femminile per guidare la direzione creativa da aprile 2015. Un caso quasi isolato, soprattutto nel mondo della comunicazione non convenzionale e digital in Italia. In un momento storico economicamente difficile in cui la maggior parte delle agenzie predilige profili young, Superegg investe su un lungo percorso di professionalità, creatività e competenza firmato da un binomio ormai consolidato e pluripremiato.

Alessandra Romani, copywriter, e Alexandra Todero, art director, hanno iniziato a lavorare insieme in Saatchi&Saatchi a Roma su clienti quali: Renault, Procter&Gamble, Enel, Poste Italiane, Alitalia, AAMS, CEI e WWF. Nel 2010 sono entrate in Publicis Roma dove sono diventate direttori creativi associati nel 2012.

Alessadra Romani e Alexandra Todero

Alessadra Romani e Alexandra Todero

“Il nostro lavoro è improntato su una creatività non fine a se stessa, ma che funzioni, che abbia presa sulle persone e che porti risultati ai clienti” – dichiarano i neo-direttori creativi di Superegg – “Crediamo da sempre in una creatività non solo applicata alle idee, ma anche al pensiero strategico, ai media, e a tutto ciò che ci circonda e che fa parte della contemporaneità. È questo che ci ha fatte innamorare di Superegg: un’agenzia che crede nel valore del pensiero creativo applicato a 360°, dall’ideazione di una campagna, alla creazione di un’app, un’activation, un packaging innovativo, fino all’idea per un nuovo fast food. Alcuni dicono di noi che siamo come due giapponesi che non sanno che la guerra è finita. Al contrario, il nostro lavoro, il nostro impegno e le nostre energie, unite alla nostra competenza, continueranno ad essere una guerra culturale serrata contro una comunicazione superficiale, noiosa, offensiva dell’intelligenza delle persone e che non porta risultati al cliente. Di questo dobbiamo ringraziare tutti i direttori creativi con cui abbiamo avuto la fortuna di lavorare: ognuno di loro ci ha regalato un po’ del proprio genio e un po’ della passione che ispira il nostro lavoro ogni giorno”.