Televisione, TLC

13 aprile 2015 | 18:28

Domani mattina l’audizione all’Antitrust dei vertici di Ei Towers e Rai Way

(MF-DJ) E’ fissato domani alle 10.30 un faccia a faccia all’Antitrust con i vertici di Ei Towers e di Rai Way, sul dossier relativo all’Offerta pubblica di acquisto e scambio volontario lanciata dalla società del gruppo Mediaset sulla controllata della Rai, finalizzata alla creazione di un polo delle torri.

Guido Barbieri

Guido Barbieri, ad di Ei Towers

L’incontro di domani sarà l’occasione per giocare a carte scoperte dopo che, venerdì scorso, Ei Towers ha abbassato la soglia per l’efficacia dell’Opas su Rai Way al 40% dal 66,7% precedente, mantenendo però inalterate tutte le altre condizioni.

L’Antitrust, secondo quanto si apprende, non avrebbe ancora ricevuto nessuna comunicazione ufficiale da Ei Towers che – dopo la volontà espressa dal Ministero dell’Economia e delle Finanze di mantenere una partecipazione pubblica pari al 51% nel capitale di Rai Way – all’unanimità ha modificato la soglia partecipativa dell’Opas su Rai Way. “L’offerta – ha comunicato Ei Towers – non ha natura ostile in quanto a suo fondamento pone il perseguimento di un progetto industriale ritenuto da Ei Towers di interesse per entrambi gli operatori. Questo elemento essenz

iale trova conferma nell’indicazione della soglia minima del 40%, che implica l’adesione, anche parziale, di Rai all’Offerta”.
Domani Ei Towers dovrebbe scoprire le proprie intenzioni e comunicare all’Antitrust se l’Opas su Rai Way punterà al 40% minimo o arrivare al 49% del capitale. Se Ei Towers comunicherà che rinuncia all’Opas sul 66,7% di Rai Way, l’Antitrust renderà noto il “non luogo a provvedere” per il primo progetto di Opas sulla controllata di Viale Mazzini e aprirà un nuovo fronte di istruttoria che si basa sulle caratteristiche della nuova proposta di offerta avanzata su Rai Way.