17 aprile 2015 | 18:25

Approvato il progetto di bilancio Rai per il 2014: utile netto a 57,9 milioni, cala l’indebitamento

(Italpress) – Il Consiglio di amministrazione di Rai S.p.A., riunitosi in data odierna sotto la presidenza di Anna Maria Tarantola, ha approvato all’unanimita’ il Progetto di Bilancio al 31 dicembre 2014 della Capogruppo e quello consolidato del Gruppo, che verranno sottoposti alla deliberazione dell’Assemblea ordinaria degli azionisti, convocata in data 25 e 26 maggio 2015, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Il Gruppo Rai ha chiuso con un risultato netto positivo pari a 57,9 milioni ( 47,9 milioni per Rai S.p.A.), a fronte di un utile di 5,3 milioni ( 4,3 milioni) dell’esercizio 2013.

Anna Maria Tarantola e Luigi Gubitosi (foto Olycom)

Anna Maria Tarantola e Luigi Gubitosi, presidente e direttore generale della Rai (foto Olycom)

Il 2014 e’ stato un anno complesso per la Rai. I costi esterni hanno scontato, come accade negli anni pari, l’impatto dei grandi eventi sportivi trasmessi nell’esercizio, pari a quasi 95 milioni. I ricavi da canone sono stati rideterminati per la decurtazione, pari a 150 milioni, disposta dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89, effetto che si e’ aggiunto al mancato riconoscimento dell’adeguamento all’inflazione dell’importo unitario e alla crescita della morosita’. Da ultimo, l’andamento del mercato pubblicitario – che ha risentito del ritardato manifestarsi dell’inversione del trend negativo macroeconomico – ha comportato una leggera flessione della raccolta pur in presenza di un incremento di quota di Rai Pubblicita’. In questo scenario, Rai ha ridotto i costi esterni e quello del personale, con un risparmio, al netto dell’onere per i grandi eventi sportivi, di oltre 80 milioni. Ha inoltre valorizzato un asset strategico quale la controllata Rai Way mediante il collocamento sul mercato azionario di una quota prossima al 35% della societa’ con un incasso di 280 milioni ed una plusvalenza netta di 228 milioni. L’esercizio presenta quindi una gestione industriale sostanzialmente equilibrata e un indebitamento in forte calo, per oltre 125 milioni rispetto al 2013(da 441 milioni a fine 2013 a 315 milioni).

Nell’esercizio e’ continuato immutato l’impegno del Gruppo Rai a supporto della produzione audiovisiva indipendente: di Cinema, di Fiction e di Intrattenimento. Grande impulso e’ stato dato, inoltre, alla rivitalizzazione della tecnologia, con la completa digitalizzazione delle testate giornalistiche nazionali e di parte di quelle regionali, e con numerose iniziative che stanno progressivamente ridisegnando il modello e l’assetto produttivo aziendale. I target fissati dal Piano Industriale 2013-2015 – equilibrio economico e finanziario, eccellenza dell’offerta e produzione con tecnologia all’avanguardia- sono stati quindi pienamente raggiunti. (Italpress, 16 aprile 2015)

  • Paolo Cinella

    allora si potrà pagare il premio di produttività ai dipendenti !!!!!!!??? e si potrebbe dar il via all’incentivazione per i dipendenti!!!!??????