TLC

17 aprile 2015 | 18:27

L’ad di Telecom Italia, Patuano: interessati a collaborare con Mediaset. La nostra visione è allineata con Bolloré. Per la banda ultralarga non c’è solo Metroweb

(ANSA) “Siamo in avanzate discussioni con Mediaset. La nostra piattaforma è aperta. Mediaset ha tanti clienti e contenuti, siamo molto interessati a un concreto lavoro con loro”. Lo ha detto l’ad di Telecom Italia Marco Patuano, a Perugia, rispondendo a una domanda sulla strategia dell’azienda dopo l’accordo con Sky. (ANSA, 17 aprile 2015)

Marco Patuano

Telecom: Patuano, incontri con F2i? Non c’è solo Metroweb

(ANSA) “Non c’è solo Metroweb”. Così l’ad di Telecom Italia, Marco Patuano, ha risposto a margine di un incontro al festival di Perugia ad una domanda sulle indiscrezioni di stampa sugli incontri con F2i, azionista di Metroweb, aggiungendo che “le negoziazioni non si fanno con gli articoli di giornale. Le conversazioni, in realtà, non si sono mai interrotte”. Patuano ha quindi specificato che il cda del 7 maggio “si occuperà di trimestrale e di conti e sarà questo il leit motiv futuro”.(ANSA, 17 aprile 2015)

Telecom: Patuano, società torri? presentato progetto lineare

(ANSA) “Ci sono molteplicità di realizzazione di un’Ipo. Abbiamo presentato un progetto lineare che prevede di fare confluire le torri in una società e la loro successiva quotazione. Questo è il progetto allo stato attuale”. Così l’ad di Telecom Marco Patuano ha risposto, a margine del festival del giornalismo di Perugia, a una domanda sulla possibile creazione di una sub-holding che detenga le torri di trasmissioni.(ANSA, 17 aprile 2015)

Telecom: Patuano, positiva decisione Mise su consultazione

(ANSA) “E’ positiva la decisione del Mise di riaprire la consultazione, perché significa prendere atto delle idee degli operatori”. Lo ha detto l’ad di Telecom Italia Marco Patuano rispondendo a una domanda sulle trattative con il governo sulla banda larga, spiegando che l’azienda non ha ancora avuto incontri con rappresentanti dell’esecutivo su questo tema. “Non abbiamo ancora visto il governo” dopo la riapertura della consultazione, ha aggiunto. “Abbiamo presentato un progetto per la costruzione di infrastrutture in 40 città con risorse nostre”. (ANSA, 17 aprile 2015)

Telecom: Patuano, in ritardo su banda larga ma investiamo

(ANSA) “In Italia siamo in ritardo sulla banda larga, è inutile negarlo. Per adeguare le nostre infrastrutture ci metteremo comunque meno di quanto la gente pensa. Nei prossimi tre anni investiremo tra i 10 e i 15 miliardi di euro, tutti soldi privati”. Lo ha detto l’ad di Telecom, Marco Patuano, intervistato da Alessio Vinci al Festival di Giornalismo di Perugia. Il manager ha spiegato che “un terzo dell’Italia e’ già coperto dalla fibra” e che “non c’e’ più un problema di debito dell’azienda, abbiamo più soldi che velocità di realizzazione”. “Entro il 2017 copriremo circa il 75% del territorio nazionale con la fibra fino al cabinet in strada (cioè tutte le città con più di 10 mila abitanti) e il 15% del territorio con la fibra fino all’abitazione (circa circa 50 città) – ha spiegato Patuano -. Nel 2020 copriremo l’85%-90% del territorio con la fibra fino al cabinet e il 35% del territorio con la fibra fino all’abitazione. Nel resto del territorio si verifica il cosiddetto ‘fallimento di mercato’ e lì è bene che intervenga il governo”. “Costruire le infrastrutture non è un gioco – ha proseguito -. Non è detto che due infrastrutture siano sempre meglio di una sola. Se dobbiamo arrivare con la fibra nelle strade, si possono costruire anche due o più infrastrutture, perché il costo è ragionevole. Se dobbiamo arrivare nelle abitazioni il costo non è più ragionevole. Per questo avere un progetto unico di amplio scopo è per noi di assoluto interesse. La cosa da evitare è che Torino abbia due infrastrutture e Asti o Viterbo non ne abbiamo neanche una”. (ANSA, 17 aprile 2015)

Telecom: Patuano, contenuti Vivendi di estremo interesse

(ANSA) “Il Gruppo Vivendi è molto attivo nella produzione di contenuti, per noi sono di estremo interesse. La nostra visione è allineata con Bolloré”. Così, a margine di un incontro al Festival del giornalismo di Perugia, l’ad di Telecom Marco Patuano ha risposto ad una domanda sui rapporti con Vivendi. (ANSA, 17 aprile 2015)