Televisione

21 aprile 2015 | 17:40

Oltre 4,5 milioni di spettatori per la fiction di Canale 5 ‘Squadra Mobile’. Flop per Anna Tatangelo: il suo ‘About Love’ non arriva al 3% di share

(ANSA) Con 4 milioni e 568 mila spettatori, pari ad uno share del 18.5% è Squadra Mobile, prima puntata della nuova serie su Canale 5, il programma più visto della prima serata tv. Su Rai1 Si può fare! condotto da Carlo Conti è stato visto da 4 milioni 1 mila con il 15.89%.

Anna Tatangelo (foto Olycom)

Su Rai2 in prima serata c’erano due telefilm: il primo Ncis Los Angeles, ha avuto 2 milioni 413 mila spettatori (8.34%) il secondo, Ncis New Orleans, è stato seguito da 2 milioni 100 mila con il 7.95%. Su Rai 3 Amore Criminale ha avuto un seguito di 1 milione 441 mila con il 5.42%. Su Italia 1 About Love 749 mila con il 2.95%. Su Rete Quattro Quinta Colonna è stato seguito da 1 milione 378 mila con il 6.52%. Nell’access prime time prevale Affari Tuoi su Rai1 con 6 milioni 29 mila pari al 21.15%. Su Canale 5 Striscia La Notizia raccoglie 5 milioni 653 mila con il 19.75%. Il prime time di rete è di Canale 5 con 5 milioni 187 mila spettatori ed uno share del 18.51%, contro Rai 1 che ha avuto 5 milioni 151 mila con il 18.39%. L’ammiraglia Mediaset conquista anche la seconda serata (14.68% contro 12.74% di rai1) e l’intera giornata (18.41% contro il 16.94% di rai1). A livello generale sono invece le reti del servizio pubblico a prevalere nella prima serata con il 38,37% contro il 34,36% di Mediaset. La seconda serata è invece di Mediaset (35,97% contro il 30,63 della Rai). L’intera giornata è della Rai con il 36,82% contro il 35,04% di Mediaset. Nella sfida tra i Tg delle 20 prevale il Tg1 con 5 milioni 944 mila e uno share del 25,29%; segue il Tg5 con 4 milioni 491 mila e il 18,72%; infine La7 con 1 milione 375 mila ed il 5,78%. In seconda serata su Canale 5 Non è mai troppo tardi ha avuto un seguito di 952 mila spettatori pari ad uno share del 10,67%. Su Rai1 Petrolio è stato visto 751 mila spettatori pari all’8,11%.

Nell’intera giornata, i canali della piattaforma Sky hanno raccolto ieri uno share medio del 6.5%; in prime time, tra le 21 e le 23, l’audience media è stata di 2.297.093 spettatori con l’8.3%, mentre in seconda serata, tra le 23 e le due di notte, la media è stata dell’8.5%. Sui canali Sport e Calcio, in evidenza il posticipo della 31/a giornata del Campionato Italiano di Serie A, il match Fiorentina – Verona, dalle 20.45 su Sky Sport 1 HD, Sky Calcio 1 HD e Sky Supercalcio HD, ha raccolto davanti alla tv 473.455 spettatori medi complessivi. Il pre partita, in onda dalle 20 sugli stessi canali, ha raccolto 118.548 spettatori medi complessivi, mentre per il post, dalle 22.45, gli spettatori medi complessivi sono stati 115.459. Nell’intera giornata, le news di Sky Sport24 HD hanno raccolto 1.574.380 spettatori unici. Per l’Intrattenimento, in evidenza la quinta stagione del Trono di Spade: il primo episodio in italiano, dalle 21.10 circa su Sky Atlantic/+1 e su Sky On Demand, ha raccolto davanti alla tv 260.203 spettatori medi complessivi, mentre il secondo episodio in lingua originale, in onda su Sky Atlantic/+1 HD alle 3 nella notte tra domenica e lunedì e alle 22.05 circa, è stato visto nel complesso da 183.827 spettatori medi. Da segnalare anche il quindicesimo episodio dell’undicesima stagione di Grey’s Anatomy, dalle 21 e dalle 23.05 circa su Fox Life HD/+1 e su Sky On Demand, che è stato seguito nel complesso da 324.532 spettatori medi. Per i canali Cinema, share del 2.57% in prime time. In particolare, il film in prima visione Divergent, dalle 21.10 circa su Sky Cinema 1/+1 HD e su Sky On Demand, ha ottenuto un ascolto medio complessivo di 457.976 spettatori medi. Nell’intera giornata, le news di Sky TG24 HD e Sky Meteo24 hanno raccolto, sui canali del bouquet Sky, 2.054.378 spettatori unici. Tra le proposte di “mondi e culture”, il terzo episodio della serie documentaristica Autostrade per l’inferno, dalle 22.50 su National Geographic Channel HD/+1, ha raccolto davanti alla tv complessivamente 41.501 spettatori medi. (ANSA, 21 aprile 2015)