Editoria, Editoria

23 aprile 2015 | 12:53

Balzo in avanti per l’utile del Gruppo Espresso nel primo trimestre dell’anno grazie al riassetto delle attività tv

(ANSA) – L’Espresso chiude il primo trimestre 2015 con un utile balzato a 12 milioni di euro (2,1 mln nel 2014) grazie a ”minori imposte, al riassetto delle attività televisive e alla plusvalenza di 6,1 milioni generata dalla vendita di All Music a Discovery Italia”, spiega una nota.

Monica Mondardini, ad gruppo L'Espresso

Monica Mondardini, ad gruppo L’Espresso (foto Olycom)

I ricavi sono scesi del 3,7% a 146,6 milioni, il margine operativo lordo consolidato in linea con il primo trimestre 2014 è stato pari a 13,9 milioni e il risultato operativo è stato di 10,2 milioni di euro, equivalente al 2014.

Le previsioni per l’intero 2015 sono ”fortemente dipendenti dall’andamento del mercato pubblicitario, che risulta allo stato ancora incerto”. Il mese di marzo ”ha tuttavia – sottolinea una nota del gruppo L’Espresso – registrato un andamento in leggero miglioramento rispetto al bimestre precedente ma sussiste ancora scarsa visibilità sul prosieguo dell’esercizio”(ANSA, 23 aprile 2015).

Il comunicato del gruppo:

I risultati consolidati al 31 marzo 2015

Il Gruppo ha chiuso il primo trimestre 2015 con un risultato netto positivo pari a €12,0mn. I ricavi consolidati, pari a €146,6mn, hanno registrato un calo del 3,7% sul primo trimestre 2014 (€152,3mn), con una minore flessione rispetto a quella registrata nel precedente esercizio. I ricavi diffusionali, pari a €55,7mn, hanno mostrato una flessione del 3,8% rispetto al corrispondente periodo dell’esercizio precedente (€57,9mn), in un mercato che, come sopra riportato, ha continuato a registrare una significativa riduzione delle diffusioni dei quotidiani (- 9,8%).
I ricavi pubblicitari hanno registrato un calo del 2,8%. La raccolta su radio ha mostrato una crescita del 2,6%, quella su internet è stata in linea con il corrispondente periodo dello scorso esercizio (+0,1%), mentre la raccolta su stampa ha registrato un decremento del 6,9%.

I costi sono scesi del 3,0%, con una riduzione sostanzialmente equivalente a quella dei ricavi; sono diminuiti in particolare i costi fissi industriali, grazie al proseguimento nel corso del 2014 delle attività di riorganizzazione della struttura produttiva del Gruppo, ed i costi di gestione e amministrazione, in particolare per quanto concerne i costi generali. Il margine operativo lordo consolidato è ammontato a €13,9mn, sostanzialmente in linea rispetto ai €14,2mn del primo trimestre del 2014. Il risultato operativo consolidato è stato pari a €10,2mn, equivalente a quello del corrispondente periodo dell’esercizio precedente.
Per area di attività, la stampa ha mostrato una sostanziale tenuta della redditività, mentre la radio ha registrato una leggera ripresa.
Il risultato netto consolidato ha riportato un utile di €12,0mn, contro €2,1mn nel primo trimestre del 2014. A parità di risultato operativo, l’incremento dell’utile netto, pari a €9,9mn, è dovuto a minori imposte per €2,0mn, al riassetto delle attività televisive per €1,1mn e alla plusvalenza di €6,1mn generata dall’operazione di vendita della società All Music a Discovery Italia.
L’indebitamento finanziario netto, pari a €11,2mn, ha mostrato un’ulteriore riduzione di €23,1mn rispetto ai €34,2mn di fine 2014. L’avanzo finanziario del periodo derivante dalla gestione corrente è stato di €12,8mn a cui si aggiunge l’incasso di €8,8mn per la vendita di All Music.

L’organico del Gruppo, inclusi i contratti a termine, ammontava a fine marzo a 2.285 dipendenti e l’organico medio del periodo è stato inferiore del 3,8% rispetto al primo trimestre del 2014.

PRINCIPALI EVENTI SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA DEL PRIMO TRIMESTRE E PREVEDIBILE EVOLUZIONE DELLA GESTIONE
Il mercato pubblicitario, nei primi due mesi dell’anno, ha mostrato ancora un andamento negativo, con evoluzioni contrastanti a seconda dei mezzi. Il mese di marzo ha, tuttavia, registrato un andamento in leggero miglioramento rispetto al bimestre precedente, ma sussiste ancora scarsa visibilità sul prosieguo dell’esercizio. In questo contesto, il Gruppo ha conseguito nel primo trimestre del 2015 risultati operativi in linea con quelli dello scorso esercizio ed un risultato netto decisamente positivo. Quanto alle previsioni per l’intero esercizio, esse sono fortemente dipendenti dall’andamento del mercato pubblicitario, che risulta allo stato ancora incerto.

Leggi o scarica il comunicato (.pdf)