Editoria, Televisione

23 aprile 2015 | 15:47

“Quello guidato da Renzi mi sembra molto più un governo di parole che di parola”. Lo dice Marina Berlusconi, presidente di Mondadori e Fininvest

(ANSA) – “Quello guidato da Renzi mi sembra molto più un governo di parole che un governo di parola”. Lo ha detto, in un’intervista rilasciata all’ANSA, il presidente di Mondadori e Fininvest, Marina Berlusconi. “Promesse fin troppe, impegni mantenuti poco o nulla. Anche se come imprenditore ho l’obbligo di ottimismo, ‘non c’è da star sereni’”, spiega.“Quest’anno l’esecutivo prevede una crescita dello 0,7%, dietro di noi nell’area euro c’è solo Cipro, non mi sembra un risultato esaltante”, afferma Marina Berlusconi. “Bisogna vedere come evolverà la crisi greca”, dice poi sulla situazione economica generale il presidente di Fininvest e Mondadori, “ma mi pare che, a livello generale, dal quantitative easing della Bce, con il crollo del cambio euro-dollaro, fino al calo del prezzo del petrolio, si stiano creando opportunità uniche. Opportunità per le quali l’Italia non ha meriti e che non dureranno in eterno. Per approfittarne appieno ci vorrebbe in primo luogo un governo all’altezza della situazione, che faccia quello che è necessario. La ricetta è sempre la stessa: veri sgravi fiscali finanziati da veri tagli alla spesa, liberalizzazioni, sburocratizzazione, riforme”, aggiunge Marina Berlusconi. (ANSA, 23 aprile 2015).