Televisione

27 aprile 2015 | 18:20

Carlo Freccero: “Renzi non ha bisogno di mettere le mani sulla Rai: sono già tutti renziani!”

(ANSA) “Renzi non ha bisogno di mettere le mani sulla Rai: sono già tutti renziani!”. Lo dice l’ex direttore di Rai2 Carlo Freccero intervistato dal blog di Beppe Grillo. “La Rai è un’azienda, un’azienda industriale, dove il padrone non si vede ma c’è! E’ un’azienda come fosse la Fiat, ci sono alcune reti che possono svolgere alcune funzioni, però il pensiero critico non deve esistere”

Carlo Freccero (foto Olycom)

sostiene Freccero che continua: “È una cosa insopportabile perché poi chi lavora, proprio perché è un’azienda industriale, sa che il suo datore di lavoro e il suo referente sono la politica, per cui si autocensura, si somatizza il potere inconsciamente. E’ veramente insopportabile questo clima che c’è. Me ne sono reso conto, più il mio antirenzismo diventa appariscente e più gli inviti si allontanano, ma fai paura, non puoi dire fascista ai leghisti, ma come non lo posso dire? È una cosa spaventosa questo sistema di autocontrollo che hanno”. Freccero ricorda nell’intervista anche le conseguenze del cosiddetto ‘editto bulgaro’ del 2002: “E’ stata una forma proprio di prepotenza, arroganza. Se ci fosse stato Internet forte come oggi, con la Rete forte come oggi, l’editto bulgaro sarebbe stato ridicolizzato, non sarebbe stato possibile, dopo un secondo sarebbe scoppiata una rivolta. È chiaro – aggiunge – che è stata una cosa veramente molto violenta perché ho subito delle cose terribili” e, continua, “la cosa che mi ha impressionato di più è come anche una parte del centro-sinistra fosse veramente complice di questa cosa..”. (ANSA, 27 aprile 2015)