L’antitrust Ue avvia un’indagine sul commercio elettronico. I cittadini affrontano troppe barriere, dice Margrethe Vestager, commissario alla concorrenza

(ANSA) L’antitrust Ue ha avviato un’indagine nel settore del commercio elettronico per identificare possibili barriere, erette dalle società, al commercio online di beni e servizi più diffusi su internet come i prodotti elettronici, abbigliamento e scarpe e contenuti digitali.

Margrethe Vestager (foto Olycom)

“I cittadini Ue affrontano troppe barriere nel commercio elettronico transfrontaliero, spesso erette dalle società stesse. Con questa indagine scopriremo quanto sono diffuse”, ha detto il commissario alla concorrenza Margrethe Vestager. In Europa sono sempre più le merci e i servizi commercializzati via internet. Al tempo stesso le vendite transfrontaliere nell’Ue aumentano lentamente, in parte a causa delle barriere linguistiche, delle preferenze dei consumatori e delle diverse normative vigenti negli Stati membri. Ma vi sono anche sospetti che certe imprese adottino misure che limitano il commercio elettronico transfrontaliero di proposito. L’indagine di settore si concentrerebbe sul modo per migliorare l’individuazione di tali pratiche e affrontarle, in linea con l’obiettivo prioritario della Commissione di creare un mercato unico digitale connesso. La Commissione ora consulterà le aziende e preparerà un rapporto per metà 2016. (ANSA, 6 maggio 2015)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Usigrai denucia: tutto fermo per un “mortificante totonomine”, serve scatto di orgoglio di ad e CdA

Fisi, presentati a Milano i tre Mondiali di Fassa 2019, Anterselva 2020 e Cortina 2021. Roda rilancia: portiamo le Olimpiadi in Italia

NOVITA’: La classifica internazionale dei brand automobilistici più attivi sui social e dei post più condivisi a settembre