08 maggio 2015 | 10:57

L’uscita da Rcs “dipenderà dai valori di borsa” dice l’ad di Mediobanca Alberto Nagel. E sul direttore del Corriere della Sera Luciano Fontana aggiunge: “Molto positiva la nomina di un professionista di grande qualità”

(ANSA) – L’A.d di Mediobanca Alberto Nagel esprime soddisfazione per come è andato il rinnovo del Cda di Rcs e afferma di rallegrarsi per la nomina di Luciano Fontana alla direzione del Corriere della Sera. ”Trovo molto positivo sia la nomina del cda e sia gli atti successivi e la nomina di un professionista  di grande qualità come il direttore”, ha detto Nagel.

Alberto Nagel (foto Olycom)

Alberto Nagel (foto Olycom)

“Sicuramente è un elemento positivo”, ha aggiunto anche l’A.d Mediobanca, che “si preservi una tradizione di qualità di background nel paese”. “Non posso che rallegrarmene” La lista di maggioranza sul Cda Rcs è stata depositata da Mediobanca per conto anche degli altri grandi soci Fca, Diego Della Valle, Pirelli e Intesa Sanpaolo che l’hanno sostenuta.
“Sono molto contento del lavoro che abbiamo fatto insieme agli altri azionisti – ha detto Nagel -. Ci eravamo prefissi che Mediobanca avrebbe votato una lista solo con alcune caratteristiche ed è stato possibile farla”. “Alla composizione del nuovo Cda Rcs, ha segnalato poi Nagel, “hanno partecipato anche massicciamente investitori istituzionali e il socio Cairo che ha un expertise e una valutazione del business” che possono dare un contributo “utile”. La composizione del nuovo board Rcs, ha aggiunto, “ha permesso che il consiglio prendesse delle decisioni in tempi molto rapidi nell’interesse della società rimuovendo l’incertezza e che consentono ora di concentrarsi” sulle tematiche aziendali.(ANSA, 8 maggio 2015).

Rcs: Nagel, no fretta di uscire, guarderemo mercato

(Agi) – Il completamento dell’uscita di Mediobanca da Rcs “dipendera’ dai valori di Borsa” del titolo. “Al di sotto di un certo livello – ha spiegato l’amministratore delegato dell’istituto, Alberto Nagel – non abbiamo premura di vendere, registrando minusvalenze, mentre al di sopra di questo livello proseguiremo la dismissione”. L’istituto ha dimezzato negli ultimi mesi la sua quota nel gruppo editoriale, scendendo al 6,2%, e aveva in passato ipotizzato di uscire dall’azionariato entro giugno. Nagel ha quindi ribadito di essere “molto contento del lavoro fatto con gli altri azionisti” per il rinnovo del cda del gruppo Rizzoli, portato a termine con l’assemblea del 23 aprile. “Esprimo soddisfazione – ha sottolineato – per il fatto che al consiglio partecipino anche investitori istituzionali e il gruppo Cairo, che ha un’esperienza nel settore che e’ sicuramente molto utile. Una ritrovata coesione di intenti e la qualita’ dei membri ha permesso al cda di prendere decisioni, in tempi molto rapidi, che sono nell’interesse della societa’ perche’ rimuovono l’incertezza”. Nagel ha definito in particolare “molto positiva” la scelta di Luciano Fontana come direttore del Corriere della sera: “E’ un professionista di grande qualita’ e il fatto che si preservi una tradizione di qualita’ e’ sicuramente un elemento positivo, non posso che rallegrarmene”. (Agi, 8 maggio 2015)