Le Monde lancia per la prima volta l’edizione del mattino, ‘La Matinale’, disponibile solo su smartphone

(ANSA) Attrarre un pubblico più giovane, intercettare nuovi lettori e approfittare della generalizzazione degli smartphone: Le Monde, il grande quotidiano francese del pomeriggio, si lancia per la prima volta in un’edizione del mattino. “La Matinale”, questo il nome della nuova edizione, sarà però disponibile solo sugli smartphone.

Gilles van Kote (foto Lemonde.fr –  credits: Henry Dehere)

“E’ un momento storico perché è la nostra prima edizione del mattino in 70 anni di esistenza”, ha detto oggi il direttore Gilles van Kote. Ormai da anni, Le Monde riflette sull’ipotesi di pubblicare di mattina anche l’edizione cartacea, ma il giornale continua ad uscire regolarmente tra le 13:30 e le 14:00 del pomeriggio, quando tutti gli altri media di Francia escono all’alba se non addirittura la notte precedente nelle edizioni web. La piccola rivoluzione all’interno del giornale precede di due giorni il cambio di direzione. Mercoledì prossimo, Jérôme Fenoglio, attuale braccio destro di Gilles van Kote, dovrà raccogliere il 60% dei voti per diventare il nuovo direttore. La prima edizione de ‘La Matinale’, disponibile su sistemi Ios e Android, è stata lanciata questa mattina alle sette. Circa un terzo dei contenuti sono gratuiti e due terzi riservati agli abbonati. Disponibile dal lunedì al venerdì, la nuova piattaforma si ispira a Tinder, ultimo grande successo in materia di social network. L’utente può selezionare o scartare le notizie come se stesse giocando a carte. “Si tratta di unire la serietà di le Monde ad una a uso più ludico”, spiega Jérôme Fenoglio. (ANSA)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Editoria, Fnsi: il governo colpisce le piccole testate non i grandi giornali. A rischio 10mila posti

Rai, Tria: proroga a marzo 2019 per definire piano industriale ed editoriale. Conti in miglioramento

Riappare online (con un curioso sottotitolo) l’archivio storico de L’Unità. Mistero sull’autore dell’operazione