Ricorso Agicom contro Giletti e Annunziata per Par condicio

(askanews) “Riteniamo scandaloso che a due settimane dalla tornata elettorale, in pieno regime di par condicio, il presidente del consiglio dei ministri abbia partecipato all’Arena di Giletti su Rai 1, con un ampio spazio tutto suo e senza alcun contraddittorio, e che l’europarlamentare Fitto, intervistato da Lucia Annunziata a In mezz’ora, abbia utilizzato analoga trasmissione per parlare contro Silvio Berlusconi,
Forza Italia e il futuro del centrodestra, cogliendo l’occasione per annunciare l’addio al Ppe e confluire nel gruppo dei conservatori europei, considerato che, in vista delle medesime elezioni, ha presentato una sua lista, di fatto formalizzando l’uscita anche dal partito di Forza Italia, contrapposta a quella presentata da quest’ultimo partito. Ancor piu’ grave e’ che la trasmissione dell’Annunziata abbia utilizzato nella grafica la denominazione “Forza Italia” in riferimento a Fitto, che invece vi si contrappone elettoralmente, come gia’ ricordato, con la lista che reca il suo nome. Per queste ragioni, e secondo i principi della par condicio, abbiamo presentato esposto all’Autorita’ per le Garanzie delle Comunicazioni in modo che intervenga al fine di valutare i due episodi e che assuma le opportune iniziative, anche al fine di consentire un immediato riequilibrio degli spazi informativi.” Lo dichiarano il vice presidente del Senato, Maurizio Gasparri, e il presidente del gruppo Forza Italia al Senato, Paolo Romani. (askanews, 18 maggio 2015)

Lucia Annunziata (foto Cosima Scavolini)

Lucia Annunziata (foto Cosima Scavolini)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi