20 maggio 2015 | 18:12

El Mundo spara le preferenze dei carcerati dell’Eta per Podemos e i social si scatenano contro Jiménez. Il nuovo direttore:”Non sono ancora in carica”

Il 18 maggio El Mundo, il quotidiano di Unidad Editorial (società controllata al 100% da Rcs MediaGroup) è uscito con un articolo, basato anche su intercettazioni fatte in prigione e intitolato: “I carcerati dell’Eta vogliono Podemos al governo”. Le reazioni sono state furiose e non solo da parte degli esponenti del movimento di contestazione spagnolo, Podemos,

David Jiménez

che hanno considerato provocatorio un loro collegamento con il terrorismo basco. Comunque, ad andarci di mezzo è stato David Jimenez, il giornalista che il 30 aprile è stato designato alla direzione del quotidiano di Madrid al posto di Garcia Abadillo, e che sui social media è stato investito da una valanga di critiche (20mila le citazioni su twitter).
Pronta la sua replica su Facebook. Nel post Jiménez dichiara di non essere ancora in carica al vertice del Mundo, come prova il comunicato stampa sulla sua designazione, e rilevando la gran quantità di accuse di mancanza di rigore scagliategli contro da giornalisti, osserva che “l’informazione spagnola ha bisogno di un rinnovamento quanto o anche più della politica. Proviamoci”.