22 maggio 2015 | 16:08

Urbano Cairo: da marzo sul nostro Mux potrebbero arrivare nuovi canali. Acquistarne uno dalla Rai? Possibile

di Roberto Borghi – I trentuno milioni di euro che Urbano Cairo ha investito lo scorso giugno per assicurarsi il multiplex messo in gara dal Ministero dello sviluppo stanno per dare i loro frutti.  Dal prossimo marzo, infatti, il mux diventerà completamente operativo e potra essere utilizzato per sviluppare nuove linee di business.

Urbano Cairo, a sinistra, e Mario Sechi a Linkontro 2015 (foto A. Castiglioni)

Urbano Cairo, a sinistra, e Mario Sechi a Linkontro 2015 (foto A. Castiglioni)

“Il multiplex può ospitare nostri nuovi canali così come può offrire spazio per altri operatori”, dice il presidente di Cairo Communication: ”con in mano  un Mux si possono fare tante belle cose, tra cui lanciare nuove proposte televisive su cui stiamo effettivamente ragionando. Ma come avviene nel mondo dell’editoria, prima di lanciarsi in queste cose bisogna valutare per bene se c’è un potenziale in termini di ascolti e di raccolta pubblicitaria”.

Intervistato da Mario Sechi in occasione de Linkontro organizzato da Nielsen, Urbano Cairo si è detto possibilista rispetto all’acquisto di un canale Rai, ma ha precisato, “si tratta solo di un’ipotesi virtuale, senza alcun fondamento perchè in questo momento non c’è in ballo proprio nessuna trattativa”. Più reale è invece la riorganizzazione del palinsesto de La7 che sarà presentato ufficialmente a luglio. “Lavoriamo per migliorare una rete già ben fatta e che ci sta dando grandi soddisfazioni, a cominciare dalla prima stagione di Floris, passato da una share del 3,5% al 6,2% riuscendo a combattere alla pari con un competitor che esiste da 12 anni”.
Secondo Cairo margini di crescita il canale ne ha soprattutto nel pomeriggio e sul target femminile, pubblico dove peraltro è forte anche la sorella La7 D. E Santoro? “Con questa stagione finisce anche il contratto che ci lega. Mi dicono che vuole sviluppare nuove idee e rispondo che sono qui, ben felice di accogliere proposte belle e innovative”.