II commissario Agcom Nicita: su Renzi-Giletti nessun ordine di riequilibrio, ma un richiamo. Sarà la Rai a decidere le modalità

(ANSA) “Nessun ordine di riequilibrio” alla Rai per la presenza del premier Renzi all’Arena di Giletti, ma un più generale “richiamo su contraddittorio”, a “ridurre cioè al necessario, negli ultimi giorni di campagna elettorale, l’informazione istituzionale sull’attività di governo” per consentire “una rappresentazione il più paritaria possibile”. Così il commissario Agcom Antonio Nicita spiega la decisione presa dal Consiglio dell’Autorità, sottolineando che “spetta alla Rai decidere le modalità” di ottemperanza al richiamo.
“Nessun ordine riequilibrio x RAI-Giletti: ha rispettato,nel complesso, tempi parola partiti/soggetti, richiamo su contraddittorio”, ha twittato in sintesi Nicita, spiegando poi che il Consiglio “ha visionato la puntata dell’Arena con Renzi, che da premier ha parlato di un tema importantissimo come le pensioni. Ma nell’intervista si è parlato anche di attualità politica. Di qui il forte richiamo a ridurre al necessario, negli ultimi giorni di campagna elettorale, questo tipo di informazione, per consentire una rappresentazione il più paritaria possibile”. Nelle prime due settimane di maggio, in ogni caso, l’Agcom “ha rilevato una netta riduzione dei divari”, con due eccezioni sostanziali, “il Tg4, che continua a registrare tempi eccessivi per Forza Italia, specie nelle edizioni principali” e che per questo è stato richiamato, “e alla testata Tg3, perché nei programmi di approfondimento la quota Pd-governo risulta ancora significativa, intorno al 30%”. Archiviati, invece, gli esposti del capogruppo di Forza Italia alla Camera Brunetta sulle dichiarazioni di Davide Serra a Sky Tg24 e di Raffaele Fitto e In mezz’ora di Lucia Annunziata. (ANSA, 22 maggio 2015)

Il tweet di Antonio Nicita

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi