Scade il Cda Rai. ‘Il Messaggero’: Renzi accelera e vuole una donna al comando. In pole Marinella Soldi (Discovery) e Tinny Andreatta (Rai Fiction)

Il Messaggero 25/05/2015  – La prorogatio non la vuole nessuno. Non piace neanche all’attuale dg Gubitosi che ha fretta di spegnere la luce, lasciare Viale Mazzini e virare verso altre avventure manageriali. È un fatto però che l’assemblea degli azionisti Rai domani approverà il bilancio e resterà aperta per le nomine.

Così che l’attuale cda, nominato quando Forza Italia aveva la maggioranza in Parlamento e Berlusconi non era ancora un ex Cavaliere, rischia di restare al timone finché la riforma del servizio pubblico non diventerà legge. Renzi considera la Rai strategica almeno quanto la Scuola. Sfiorarla è però pericoloso. In questi giorni il premier ha confidato ai suoi che il suo sogno sarebbe cambiarla da cima a fondo. E che non gli dispiacerebbe che il nuovo ad, quello che nel ddl governativo si configura come un supermanager, fosse una donna.

Come a “Indovina chi?”, una volta indicata la caratteristica principale dare un volto al personaggio misterioso non è difficile. In cima alla lista c’è Marinella Soldi, ad di Discovery Italia e generalmanager di Discovery Networks Europe Sud Europa. Il suo nome era già finito nel totonomine. Mai prima d’ora Renzi però aveva manifestato una preferenza rosa più o meno apertamente. L’identikit della manager dal cognome evocativo ha preso più forma dopo l’audizione alla Commissione Trasporti e comunicazioni della Camera dove la Soldi è stata convocata nel quadro di un’indagine conoscitiva sui media. In quell’occasione, non è sfuggita la totale convergenza tra le sue idee e le linee guida della riforma. Il suo invito a ridurre il numero dei canali Rai disponibili, rafforzare i contenuti, crescere sul mercato e strutturarsi come una media company. E più ancora la proposta di lasciare due soli canali finanziati dal canone e senza pubblicità e «dotarsi di una governance idonea a sottrarre l’azienda alle pressioni della congiuntura politica». L’altro nome rosa che gira è quello di Eleonora, detta Tinny, Andreatta, direttrice di Raifiction. Vanta ottime referenze interne e avrebbe il vantaggio di conoscere la macchina. Le candidature maschili per il momento vengono dopo: Antonio Campo Dall’Orto, che un ruolo nella nuova Rai comunque lo avrà è Andrea Scrosati, vice presidente di Sky Italia. Resta in gara anche Vincenzo Novari, numero uno di H3G e plenipotenziario del gruppo cinese Hutchison Whampoa in Italia, a un passo dalla fusione fra 3 Italia e Wind.

(…)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Fico: cambiare la legge sulla Rai e abolire la Vigilanza. M5s nei talk senza contraddittorio? Direttori liberi di decidere

Radiotv locali, Bitonci, sottosegretario all’economia: Dl Dignità per salvare 5mila posti di lavoro

Cda Rai: dipendenti oggi al voto per scegliere il quinto consigliere. Spoglio dalle 20,58 in streaming