Televisione

25 maggio 2015 | 18:36

Striscia la notizia attacca l’Agcom: bloccata la messa in onda di un filmato satirico durante il Premio Regia Televisiva

(ANSA) “L’Agcom ha vietato la diffusione del filmato satirico di Striscia la notizia che sarebbe dovuto andare in onda questa sera su Raiuno durante il Premio Regia Televisiva”. Lo rende noto lo stesso tg di Antonio Ricci, aggiungendo che “il filmato censurato conteneva una rappresentazione satirica dei principali leader politici italiani visti come supereroi dei fumetti, dal Ministro Alfano nei panni di Mr. Fantastic al Premier Renzi con il corpo de “La cosa” e Silvio Berlusconi con il mantello del Cavaliere Mascarato”.(ANSA, 25 maggio 2015)

Tv: Agcom, nessun intervento su video Striscia

(ANSA) L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni non interviene ex ante e non ha mai ricevuto richieste in merito al video satirico di Striscia la notizia che sarebbe dovuto andare in onda questa sera su Rai1 durante il Premio Regia Televisiva. Lo precisa l’Autorità dopo il comunicato diffuso da Striscia , che accusa Agcom di aver vietato la diffusione del filmato. (ANSA, 25 maggio 2015)

Striscia,filmato bloccato da organizzazione Premio Regia

(ANSA) “L’organizzatore del Premio Regia Televisiva ci ha comunicato che l’Agcom, l’autorità per le garanzie nelle comunicazioni, avrebbe vietato la diffusione del filmato satirico di Striscia la notizia che sarebbe dovuto andare in onda questa sera su Raiuno durante la premiazione”. Lo precisa Striscia La Notizia dopo che l’Agcom ha escluso qualsiasi intervento sul filmato satirico. “Il filmato censurato – ricorda Striscia – conteneva una rappresentazione satirica dei principali leader politici italiani visti come supereroi dei fumetti, dal Ministro Alfano nei panni di Mr. Fantastic al Premier Renzi con il corpo de “La cosa” e Silvio Berlusconi con il mantello del Cavaliere Mascarato”.(ANSA, 25 maggio 2015)

Viale Mazzini, politica vietata in show intrattenimento

(ANSA) “Non si capisce la polemica visto che la legge sulla par condicio vieta a noi come a tutti gli altri broadcaster nel nostro Paese la presenza diretta o indiretta in qualsiasi forma della politica e dei politici in trasmissioni di intrattenimento”. E’ quanto fa sapere Viale Mazzini dopo le note diffuse da Striscia la notizia in merito allo stop di un proprio filmato satirico che sarebbe dovuto andare in onda stasera nel corso del Premio Regia Televisiva. “E comunque – fa sapere ancora – la direzione di Rai1 aveva comunicato fin da ieri la cosa a striscia la notizia”. (ANSA, 25 maggio 2015)