New media

27 maggio 2015 | 15:54

Google pronto al lancio di ‘Brillo’ nuovo software per far comunicare gli elettrodomestici. Domani e venerdì la conferenza degli sviluppatori a San Francisco

(ANSA) – Un sistema operativo pensato per gli oggetti “intelligenti” che popolano case iperconnesse, ma non solo, progetti per la realtà virtuale che superano i Google Glass e una nuova veste per Android e Chrome. C’è tanto che bolle nella pentola di Google, in vista di uno degli appuntamenti più importanti del colosso californiano: la conferenza I/O degli sviluppatori in programma il 28 e 29 maggio a San Francisco, in California. Dalle ultime indiscrezioni riportate dai blog d’Oltreoceano sembra che Google stia per lanciare una nuova versione di Android ad hoc per “l’Internet delle Cose”.

Larry Page

Larry Page, cofondatore e ceo di Google con i Google glass (foto Olycom)

Nome in codice “Brillo”, questo software sarebbe più “leggero” e quindi adatto a far comunicare fra loro diversi tipi di oggetti connessi, in primis gli elettrodomestici di una casa ‘smart’. Il keynote di apertura sarà tenuto da Sundar Pichai, senior vice-president of products di Google, in pratica colui che guida il team della piattaforma del “robottino verde”. Dal palco del Moscone Center potrebbe arrivare un’anteprima di Android M, la nuova versione del sistema operativo il cui debutto ufficiale è però previsto in autunno con l’annuncio di nuovi Nexus. C’è chi ipotizza che Google possa presentare un progetto che vada “oltre” i Google Glass, in momentaneo stop. “Credo sia troppo presto per un nuovo modello di Google Glass – spiega all’ANSA Van L. Baker, research vice president di Gartner -, quindi non penso lo vedremo. Ma mi aspetto una sostituzione dei Glass”. Forse novità sulle “cardboard” per la realtà virtuale? Dalla Google I/O molti attendono un nuovo modello di Chromecast, la chiavetta da collegare al televisore che lo rende “smart” grazie al collegamento a internet. Tante le sessioni in agenda focalizzate su Android Wear, il sistema operativo per gli smartwatch, uno dei fronti più caldi del mercato tecnologico con l’arrivo del grande concorrente Apple Watch. (Ansa, 27 maggio 2015)