Russo lascia la guida di Wired e diventa vice direttore de La Stampa con responsabilità sulle attività digitali

Non poteva dire di no davanti a un’offerta così interessante: diventare vice direttore del quotidiano torinese con la delega per il digitale e l’innovazione. E così Massimo Russo, concluso con successo il Wired Next Fest, 108.500 presenze durante le tre giornate milanesi, si prepara a trasferirsi a Torino nella redazione digital first della Stampa.

Massimo Russo

Calabresi che è sempre più impegnato ad affrontare la rivoluzione che rappresenta internet per il mondo dell’informazione, deciso a realizzare nuovi progetti che sfruttino al meglio le potenzialità del digitale, sta formando una squadra di competenti di tecnologia ma con il cuore e l’intelligenza dei veri giornalisti. E uno di questi rari rappresentanti di questa categoria all’interno del mondo giornalistico italiano è proprio Massimo Russo, cresciuto all’interno dell’Editoriale L’Epresso dove, dopo aver lavorato nei quotidiani locali, a metà degli anni Novanta ha iniziato a lavorare per contribuire a costruire la divisione digitale del Gruppo. Sulla transizione dalla carta al digitale nel 2009 ha scritto con Vittorio Zambardino il saggio ‘Eretici digitali’ pubblicato da Apogeo: tutte cose assai interessanti ma che per un bel pezzo l’hanno tenuto lontano dal giornalismo, che era e rimane la sua scelta di vita. E questo spiega perché ha deciso di passare alla direzione di Wired nel maggio 2013, e ancora di più perché abbia accettato l’offerta di Mario Calabresi di passare alla Stampa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, gli editori a Strasburgo: dite sì alla direttiva. L’Europa ha bisogno di stampa libera

Copyright, gli editori a Strasburgo: dite sì alla direttiva. L’Europa ha bisogno di stampa libera

Terna, investimenti in Italia per 6,2 miliardi di euro, il piano più importante di sempre

Terna, investimenti in Italia per 6,2 miliardi di euro, il piano più importante di sempre

Apple: New York Times e Washington Post non saranno nel nuovo servizio di news. Tra le testate big presente il Wall Street Journal

Apple: New York Times e Washington Post non saranno nel nuovo servizio di news. Tra le testate big presente il Wall Street Journal