Comunicazione

10 giugno 2015 | 17:18

Niente carcere per i giornalisti in caso di diffamazione. La proposta di legge è ora pronta per l’Aula della Camera

(Agi) “La Commissione Giustizia ha licenziato per l’Aula il provvedimento di riforma della diffamazione a mezzo stampa, compiendo un lavoro serio a tutela della liberta’ di informazione e dei diritti dei cittadini”. Lo riferisce Walter Verini, capogruppo Pd in commissione alla Camera e relatore del provvedimento.
“Dopo la seconda lettura da parte del Senato, il nostro lavoro ha confermato punti qualificanti e introdotto miglioramenti. Intanto si conferma la cancellazione della pena del carcere per i giornalisti per questo tipo di reato. Inoltre – spiega Verini – con la causa di non punibilita’ nel caso di pubblicazione integrale della rettifica richiesta, si tutela il diritto dei cittadini a non essere diffamati e la liberta’ dei giornali. Ci sono poi gli inasprimenti di sanzione in caso di querele temerarie, che spesso rappresentano vere e proprie intimidazioni a danno dei giornalisti. Si e’ pensato anche ai casi, purtroppo frequenti, di fallimento delle proprieta’ dei giornali, casi nei quali direttori e giornalisti vengono lasciati soli a risarcire, in caso di condanna, il danneggiato per diffamazione. In questi casi ci si potra’ rivalere sulla proprieta’ fallita. Resta fuori il tema della diffamazione nei blog, da affrontare in sede di confronto sulle questioni della rete, anche dopo la fine del lavoro della Commissione preposta insediata dalla Presidente Boldrini e presieduta da Stefano Rodota’. Insomma, un lavoro positivo, frutto di un confronto vero e positivo anche con Federazione Nazionale della Stampa e Ordine dei giornalisti”, conclude l’esponente del Pd. (Agi, 10 giugno 2015)