Editoria

19 giugno 2015 | 17:27

Lorusso, segretario generale Fnsi: serve una riforma dell’Ordine dei giornalisti. Ripartire dalla proposta approvata dalla Camera nella scorsa legislatura

(ANSA) “La Fnsi prende atto con favore della disponibilità ad avviare un confronto sulla riforma dell’Ordine dei giornalisti, manifestata dall’onorevole Pino Pisicchio. Il sindacato auspica che la riforma venga approvata in tempi brevi, partendo dal presupposto che l’attuale organizzazione professionale è lontana dalla realtà del mercato del lavoro”. Lo afferma, in una nota, Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi, commentando le dichiarazioni rilasciate due giorni fa dal parlamentare del Gruppo Misto. “Sarebbe pertanto auspicabile – osserva Lorusso – che, dopo tanto silenzio, anziché ragionare di nuove proposte, alcune delle quali potrebbero alimentare il legittimo sospetto di voler lasciare inalterato l’insostenibile status quo, si rimetta in pista la proposta di legge di riforma approvata dalla Camera nella passata legislatura. Quella proposta, che potrebbe comunque essere ulteriormente arricchita, ha il pregio di mettere mano alla composizione del Consiglio nazionale, riducendo il numero dei consiglieri e assegnando la maggioranza ai giornalisti professionisti, ossia a chi esercita la professione in via esclusiva, ma soprattutto prevede l’istituzione del Giurì per l’informazione, che rappresenterebbe un presidio a tutela dell’etica e della deontologia, nell’interesse dei cittadini”. “Il sindacato – prosegue la nota – considera imprescindibile riconoscere l’iscrizione e la permanenza nell’Albo a coloro che esercitano effettivamente la professione, i quali – così come avviene per altri albi professionali – devono essere titolari di una posizione previdenziale attiva presso l’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani. Al netto di pochi casi particolari, legati a situazioni di sfruttamento e di mancato inquadramento da parte di aziende editoriali, da denunciare e perseguire nelle sedi competenti, mantenere l’iscrizione all’albo di circa 50mila giornalisti senza alcuna posizione previdenziale è uno scandalo non più tollerabile”. (ANSA).

Raffaele Lorusso (foto Assostampa)

Raffaele Lorusso (foto Assostampa)