30 giugno 2015 | 13:40

“Siamo un canale tv, non l’enciclopedia del video”. Joris Evers racconta l’arrivo in Italia di Netflix

“Un mese gratis, molti film e programmi tv doppiati in italiano, tanti contenuti per bambini: il debutto di Netflix sarà l’inizio di una rivoluzione per la tv come la conosciamo oggi”. Scrive così oggi ‘La stampa’ parlando dell’ormai prossimo debutto in Italia della popolare piattaforma di video streaming americana, previsto nel mese di ottobre.

Joris Evers (foto Twitter.com)

Il prezzo di partenza non è ancora ufficiale, ma dovrebbe aggirarsi attorno agli 8 euro al mese, con i quali si potrà accedere a più di 15 mila tra film, programmi e serie televisive, visibili in ogni momento e su più apparecchi, dalla tv allo smartphone, dal tablet al computer, fino a lettori multimediali e console per videogiochianche se non sarà possibile scaricare dei contenuti per usufruirne offline. “Non aspiriamo ad avere tutti i film e le serie sul mercato”, spiega Joris Evers, responsabile per le comunicazioni di Netflix in Europa Asia e Africa, “Siamo un canale tv, non l’enciclopedia del video”.
In Italia, sottolinea il giornale, non saranno disponibili House of Cards e Orange Is The New Black (i cui diritti sono stati acquistati da Sky e Mediaset, ndr), ma ci sarà il serial Marco Polo, un’altra produzione originale con gli attori Lorenzo Richelmy e Pierfrancesco Favino.