Editoria, Televisione

07 luglio 2015 | 10:35

Prove di fusione tra l’emittente tv tedesca ProSiebenSat.1 e il gruppo editoriale Axel Springer

(ANSA) Contatti di fusione tra il gruppo televisivo tedesco ProSiebenSat.1 e Axel Springer, l’editore di celebri quotidiani del paese come Die Welt e Bild, presieduto tra l’altro dall’italiano Giuseppe Vita (presidente Unicredit). I colloqui sarebbero ancora in una fase iniziale, riferisce Bloomberg, e l’obiettivo sarebbe un rafforzamento nel digitale.

Giuseppe Vita, presidente Unicredit (foto Olycom)

L’operazione potrebbe comunque superare limiti antitrust. Già dieci anni fa l’acquisizione di Prosieben da parte di Springer naufragò su uno stop dell’authority. Per un confronto, è come ipotizzare un’unione di Mediaset e Mondadori. Le due società insieme avrebbero una capitalizzazione di 15 miliardi di euro, con ricavi 2014 pari a 5,9 miliardi. Le voci sui contatti tra i due gruppi hanno iniziato a circolare ieri sera e già in avvio alla Borsa di Francoforte i titoli coinvolti sono finiti sotto i riflettori: Springer sale del 4,8%, mentre Prosieben guadagna ora lo 0,8%. Axel Springer ha diffuso una nota oggi, senza commentare l’idea di fusione, chiarendo comunque che le speculazioni su un’eventuale perdita del controllo dell’azionista Friede Springer, la vedova del fondatore Axel Springer, sono “completamente infondate”. La società, ha detto, “continua a puntare alla trasformazione della forma legale della società” in accomandita “con l’obiettivo di assicurare il mantenimento del controllo della società da parte di Axel Springer Gesellschaft für Publizistik GmbH & Co./Friede Springer sul lungo termine e aprirsi alle possibilità di crescita”. (ANSA, 7 luglio 2015)