Editoria

09 luglio 2015 | 9:53

Morto il presidente della Fnsi Santo Della Volpe. Il ricordo di amici e colleghi

(ANSA) E’ morto dopo breve malattia all’età di 60 anni il presidente della Fnsi, Santo Della Volpe. Inviato del Tg3, era socio fondatore dell’associazione Articolo 21 e vice presidente di Libera Informazione. Della Volpe lo scorso gennaio a Chianciano era stato eletto presidente della Federazione della Stampa. (ANSA, 9 luglio 2015)

Santo Della Volpe, presidente Fnsi (foto Key4biz.it)

Il ricordo dell’Usigrai su Santo della Volpe

“Questa notte se ne è andato Santo Della Volpe. Un pilastro del giornalismo. Firma di prestigio del Tg3. Un punto di riferimento della professione e del sindacato dei giornalisti. Sempre in prima linea nel suo impegno sociale e professionale in favore della legalità, contro ogni bavaglio, nella lotta alle mafie, contro le morti sul lavoro.
Da sempre impegnato nell’Usigrai, direttore di LiberaInformazione, tra i fondatori di Articolo 21, da alcuni mesi Presidente della Fnsi.
Resterà con noi il suo esempio, la sua passione, il suo incessante impegno per i valori della libertà e del Servizio Pubblico.”  Usigrai

Giornalisti: morto Della Volpe, il ricordo di Articolo 21

(ANSA) “Questa mattina è venuto a mancare Santo della Volpe, nostro amico e compagno di tante battaglie. E’ stato uno dei soci fondatori di Articolo21 e in questi anni lo abbiamo sempre trovato al nostro fianco, sempre in prima fila per difendere la libertà di informazione da ogni tipo di attacco e manipolazione”. Lo comunica l’associazione. “Ieri mattina – ricorda Articolo 21 – eravamo insieme nella sua casa con la moglie Teresa e Vittorio Di Trapani. Pur stando male, pur essendo debolissimo e con voce flebile non ci ha mai parlato della sua malattia, ma dei suoi e dei nostri progetti futuri. Delle battaglie da fare per la libertà di espressione, contro la precarietà nell’informazione, sul tema della diffamazione”. “Il modo migliore che abbiamo di ricordarlo è fare tesoro delle sue parole e della sua voglia di combattere a testa alta, fino alla fine contro tutte le ingiustizie. Quelle della nostra società e della brutta malattia che ce lo ha portato via”, conclude Articolo 21. (ANSA, 9 luglio 2015)

 

Giornalisti, cordoglio Stampa parlamentare scomparsa Della Volpe

(askanews) L’Associazione stampa parlamentare esprime profondo cordoglio per la morte del collega Santo Della Volpe, presidente della Federazione nazionale della stampa, ed esprime vicinanza ai familiari. (askanews, 9 luglio 2015)

Della Volpe, il ricordo della Stampa Romana

(askanews) “Abbiamo tutti nelle orecchie e nei cuori l’intervento con il quale Santo Della Volpe ringraziava il congresso nazionale del sindacato unitario per l’elezione a presidente. Ricordiamo tutti la citazione dei Clash, di Joe Strummer: “Il futuro non e’ ancora scritto”. Era un’idea di speranza, di ampiezza di orizzonti che non possono essere rigidamente protocollati, descritti in un cerchio chiuso”. E’ quanto si legge in una nota dell’Associazione Stampa Romana. “Santo era consapevole della sua malattia, delle difficolta’ che avrebbe dovuto affrontare. In una fase difficile della vita associativa e sindacale aveva deciso di offrire comunque la sua disponibilita’, la sua signorilita’, la sua generosita’, la determinazione a battersi. E lo abbiamo visto nelle iniziative sulla diffamazione e le querele temerarie, tema particolarmente caro, figlio di una lunga e brillante storia di giornalista prestato alla cronaca, dagli inizi in giornali, radio e TV locali, fino alla Rai, al Tg3, passando per “Articolo 21″ e “Libera Informazione”, rivolta all’attenzione per i piu’ deboli, per i piu’ indifesi. I resoconti sui processi per l’amianto di Casale Monferrato – prosegue Stampa Romana – sono solo una delle testimonianze piu’ recenti di un impegno costante, un filo rosso che ne ha attraversato l’esistenza”. “Un abbraccio oggi, nel momento del dolore e del lutto, va alla sua famiglia, a Teresa Marchesi. Per noi, per il sindacato, per Stampa Romana resta quella frase, l’impegno a costruire ogni giorno un mondo migliore”, conclude. La camera ardente sara’ allestita nella sala Walter Tobagi della Fnsi in Corso Vittorio Emanuele 349, Roma. I funerali si svolgeranno sabato mattina. (askanews, 9 luglio 2015)

Giornalisti: Della Volpe; Casagit, impegnato per democrazia

(ANSA)”Piango soprattutto un amico, una persona perbene, un collega che non ha mai smesso di inserire la parola solidarietà ogni volta che parlava del nostro mestiere di giornalisti e del nostro compito di informare. Due giorni fa, l’ultima volta che ci siamo visti, sebbene provato dalla malattia continuava a ripetere che il nostro mondo e la nostra categoria devono impegnarsi in modo compatto e unito per difendere, insieme alla nostra libertà di espressione, anche la democrazia del Paese”. E’ il cordoglio di Daniele Cerrato, presidente Casagit, per la scomparsa di Santo della Volpe. “Abbiamo avuto l’onore in Casagit di avere in consiglio di amministrazione Santo della Volpe, presidente della Federazione Nazionale della Stampa – continua Cerrato in una nota – e proprio sui temi legati alla salute dei nostri assistiti ne abbiamo apprezzato l’umanità, la sensibilità e la straordinaria capacità di vicinanza. Alla moglie Teresa tutto il nostro affetto e le nostre condoglianze”. (ANSA, 9 luglio 2015)

 

Giornalisti: Della Volpe; Siddi, profondo suo impegno civile

(ANSA) “La notizia della morte di Santo Della Volpe sconvolge e rattrista nel profondo del cuore chi gli è stato vicino nella vita e quanti – soprattutto nel mondo del giornalismo associato nazionale e internazionale e nelle formazioni della società civile – hanno avuto modo di collaborare e confrontarsi con lui. Mi pare impossibile doverne parlare al passato, ripensando anche a un suo recente intervento pubblico sul valore della solidarietà internazionale per affermare e tutelare a ogni latitudine la libertà di espressione e di stampa”. Lo sottolinea Franco Siddi, segretario della Federazione nazionale della stampa. “Da presidente della Fnsi, nei cinque mesi e mezzo trascorsi dal congresso che lo aveva eletto a Chianciano, non aveva mai fatto mancare il sostegno alla Federazione internazionale e a quella europea dei giornalisti in campo per questo in tanti fronti caldi (dall’Egitto, alla Turchia, dalla Somalia all’Iraq) e in Paesi Europei, dove in nome della sicurezza si stanno varando norme liberticide. Alla famiglia e alla Fnsi – conclude Siddi – i sentimenti del profondo cordoglio personale, cui si unisce la Ifj (Federazione Internazionale dei Giornalisti)”.(ANSA, 9 luglio 2015)
Giornalisti: Della Volpe; Lorusso, profonda commozione

(ANSA) “È un momento di profonda commozione. Con Santo Della Volpe scompare una persona per bene, un professionista che ha sempre lottato al fianco degli ultimi e per l’affermazione della cultura della legalità in ogni ambito della vita civile. Ideali ai quali ha ispirato la sua pur breve esperienza al vertice della Fnsi, connotandola con passione ed entusiasmo. Ciao, Santo”. E’ il cordoglio di Raffaele Lorusso, segretario generale della Federazione nazionale della stampa. (ANSA, 9 luglio 2015)