09 luglio 2015 | 18:20

La7 spinge sull’intrattenimento e a ottobre lancia il talent ‘Il boss dei comici’. Cairo a tutto campo: Sky e Discovery non fanno paura; pubblicità in leggero calo; non cerco un direttore e non vendo il canale

di Roberto Borghi – Sarà Alessandro Siani uno dei giudici che accompagnerà il talent ‘Il boss dei comici’ in arrivo a ottobre su La7. Due ore di programma in prime time in onda il giovedì o la domenica. “Dipende dalla controprogrammazione”, spiega Urbano Cairo che oggi a Milano ha presentato i palinsesti della prossima stagione che comincia così ad allargare le proposte sul fronte dell’intrattenimento.

Urbano Cairo

Urbano Cairo

‘Il boss dei comici’ nasce in intesa con Nando Mormone, autore e produttore di ‘Made in Sud’ e prevede la classica costruzione con un gruppo di comici in erba che vengono aiutati da dei coach per affrontare il giudizio di un comico di fama. Le selezioni di quelli che Cairo spera siano i prossimi Aldo, Giovanni e Giacomo sono partite al Cafè Teatro di Verghera di Samarate e al Teatro Tam di Napoli.

“Aver portato dei cambiamenti ha dato i suoi frutti”, dice Urbano “ed è quindi giusto continuare così allargando di più all’intrattenimento e alla comicità”.

Prime time
Il prime time della stagione 2015-16 è così composta:

  • - Lunedì: ancora da decidere tra ‘Il boss dei comici’ e ‘Piazza pulita’ di Formigli’
  • - Martedì: confermato Floris con ‘Dimartedì’
  • - Mercoledì: torna, dopo la parentesi domenicale, Paragone con La Gabbia
  • - Giovedì: ancora da decidere tra ‘Il boss dei comici’ e ‘Piazza pulita’ di Formigli’
  • - Venerdì: ovviamente Crozza, il campione di ascolti del canale
  • - Sabato: film o telefilm
  •  - Domenica: Grey’s anatomy. In forse anche per il lunedì

Sempre in prima serata a settembre La7 ospita la finale di Miss Italia ancora con la conduzione di Simona Ventura, mentre a novembre debutta in chiaro la fiction ’1992′ con Stefano Accorsi. Il punto di forza del canale restano l’informazione e i talk. Dal tg delle 20 di Enrico Mentana – protagonista anche con i suoi speciali e le maratone in diretta (quella sul referendum in Grecia e’ durata 397 minuti!) – passando per Otto e Mezzo condotto da Lilli Gruber. Poi Floris con Dimartedì (che ha terminato la sua  prima stagione in forte crescita, attestato a meno di un punto di distanza dal rivale ‘Ballarò) e La Gabbia animata da Gianluigi Paragone.

Pomeriggio
“Dobbiamo crescere nel pomeriggio perché non è più accettabile perdere troppe posizioni rispetto al prime time”, dice Cairo, “basterebbe guadagnare un punto percentuale per riallinearsi”. Ecco quindi in arrivo un contenitore pomeridiano di cronaca e costume di due ore (14,30-16,30) con Tiziana Panella, mentre in primavera debuttera’ un programma di Myrta Merlino.

Pubblicità
“La raccolta su La7 è calata nei primi sei mesi dell’anno rispetto all’anno scorso ma non a doppia cifra e mi aspetto che le cose migliorino nei prossimi sei mesi”, dice Urbano Cairo sottolineando anche che invece “nella stampa il miglioramento è stato fortissimo”.

Mux
Il Mux acquistato l’anno scorso per 31,9 milioni di euro offre 22,4 megabite di cui 7,2 sono utilizzati dai canali di Cairo Communication. Restano 15,2 megabite che, sempre secondo Cairo possono essere utilizzati “per ospitare nuovi canali nostri che contribuirebbero ad aumentare la share complessiva del gruppo o anche essere affittati per fare ricavi”. Il progetto Toro Channel? “Ci sto pensando, i tifosi mi sono vicini”, dice Cairo, presidente del club che finora ha speso 10,5 milioni di euro in campagna acquisti.

Concorrenza generalista
Discovery si è accaparrata il tasto 9 del telecomando e ha appena lanciato la nuova Deejay tv in chiave generalista. Sky ha manifestato interesse per il canale 8 dove Viacom sta trasmettendo Mtv.”Finora non ho sentito annunci incredibili per cui non mi pare ci sia da aver paura, anche se siamo attenti alle loro mosse”, dice Cairo: “in ogni caso penso che avere due canali nuovi vicini alla nostra La7 potrebbe essere vantaggioso per il traffico che porteranno”.

La squadra
“Non c’e’ alcun colloquio in corso per cambiare la squadra attuale di La7, di cui sono felicissimo così come è”, dice Urbano Cairo smentendo qualunque voce su presunti contatti per cercare un direttore di rete. Inoltre Cairo ha ribadito che non ha intenzione di vendere il canale: “non mi passa nemmeno per l’anticamera del cervello. fare tv mi piace”.

 Leggi o scarica il comunicato stampa de La7 con i dati di ascolto della stagione, il palinsesto estivo e quello della prossima stazione (PDF)