14 luglio 2015 | 17:25

I dati Siae dei primi mesi del 2015 mostrano una ripresa dello spettacolo italiano: buoni risultati per mostre e attività sportiva

(ANSA) Segni più per le mostre e l’attività sportiva, in misura più contenuta per il teatro, stallo per il cinema. Il 2014, confermano i dati Siae, è per lo spettacolo italiano un anno di graduale uscita dalla crisi, seppure con molti chiaroscuri. Ma a far parlare di ripresa sono soprattutto i numeri dei primi 5 mesi 2015 – anticipati oggi a margine della tradizionale presentazione dell’Annuario 2014 – con il cinema che tra gennaio e maggio 2015 vede crescere i biglietti venduti del 3,20%, la spesa al botteghino del 7,55%, la spesa del pubblico dell’8,71%.

Filippo Sugar, Presidente della Siae

Filippo Sugar, Presidente della Siae

Con notizie buone pure per i concerti e parzialmente per teatro e lirica (che a fronte di un aumento della spesa al botteghino del 2,39% e della spesa del pubblico del 2,81% vede però diminuire del 6,16% offerta di spettacoli e del 3,91% il numero dei biglietti). L’industria italiana dello spettacolo “può vivere e generare ricchezza e occupazione, se riesce ad avere un ambiente legale che le consente di farlo”, incalza il presidente Siae Filippo Sugar. Che lancia il nuovo sito della Società degli autori e degli editori, online da domani, completamente ripensato all’insegna della trasparenza e della semplicità di approccio. Mentre annuncia per i prossimi mesi un lavoro di mappatura dell’intero settore culturale e creativo italiano, fatto con Ernst & Young “con gli stessi criteri usati in Francia e da altre associazioni di autori europee”. (ANSA, 14 luglio 2015)

Siae: Maleficent regina incassi cinema 2014. Tre italiani nella top, su podio argento Un Boss in salotto

(ANSA) E’ Maleficent, con Angelina Jolie perfida strega, il film che guida la top ten degli incassi italiani cinema per il 2014 stilata dalla Siae. Tre in tutto gli italiani che entrano nella decina con Un boss in salotto, la commedia di Luca Miniero con Paola Cortellesi, Rocco Papaleo e Luca Argentero, che si piazza al secondo posto, e Sotto una buona stella di Carlo Verdone al sesto. Maleficent è primo anche nella top degli ingressi, seguito da Un boss in salotto. Verdone in questo caso è quarto. Nella top degli incassi il gradino di bronzo è per The Wolf of Wall Street, il quarto posto per lo Lo Hobbit, la battaglia delle cinque armate, il quinto per l’altro italiano, ovvero Il ricco, il povero e il maggiordomo. Il film di Aldo Giovanni e Giacomo è quinto anche nella classifica degli ingressi, seguito da Interstellar. (ANSA, 14 luglio 2015)