15 luglio 2015 | 18:25

Questa sera al via l’assemblea per discutere i termini dell’intesa tra Rcs MediaGroup e i sindacati di grafici e poligrafici. Intanto con 98 voti favorevoli approvato l’accordo per la ‘Gazzetta’

I poligrafici di Rcs MediaGroup, inizieranno questa notte le assemblee per discutere l’ipotesi di accordo raggiunta tra l’azienda e le rappresentanze sindacali dei grafici e poligrafici, dopo lo sciopero della scorsa settimana che aveva impedito, venerdì 10 luglio, l’uscita del ‘Corriere della Sera’ e della ‘Gazzetta dello Sport’. Successivamente ci sarà il referendum di apporvazione.

Pietro Scott Jovane (foto-Olycom)

Pietro Scott Jovane, ad di Rcs MediaGroup (foto-Olycom)

“E’ il miglior accordo possibile”, dice Francesco Aufieri, segretario Slc-Cgil di Milano, “abbiamo ridimensionato della metà le pretese dell’azienda: volevano la solidarietà al 25%, abbiamo concordato che l’impatto massimo sarà del 12. Oltretutto c’è la garanzia occupazionale per i prossimi 4 anni”. L’accordo raggiunto per i lavoratori grafici e poligrafici di Rcs (in un primo tempo si era parlato di 260 esuberi) porteranno all’azienda risparmi per 4 milioni di euro nel 2015 e ad altri 4 milioni il prossimo anno.

Intanto sul fronte ‘Gazzetta dello Sport’ con 98 voti a favore e 20 contro i giornalisti hanno approvato l’accordo sindacale sul piano di risparmi richiesto da Rcs MediaGroup. In base all’intesa scatterà nei prossimi due anni la solidarietà al 15%. Previsto un taglio dei costi di trasferte, diarie e collaborazioni che porteranno nel 2015 i risparmi dell’azienda a quasi 4 milioni di uro. Una cifra che salirà a 7 milioni di euro l’ammo prossimo.