Confidenze tra amiche lancia “Ti amo, ti odio”, il libro con le storie delle lettrici

‘Ti amo, ti odio’ è il libro nato dalle storie che le lettrici di Confidenze tra amiche hanno scritto, affidando a carta e penna le proprie emozioni. L’iniziativa, come riporta il comunicato stampa, lanciata dal settimanale diretto da Susanna Barbaglia nel mese di marzo, si è rivolta al pubblico di lettrici aspiranti scrittrici del magazine: scrivere un racconto che avesse come filo conduttore l’amore e l’odio: l’amore verso una persona, un luogo, una situazione, ma anche l’odio che ne può derivare da una grande passione.

Sono arrivati in redazione molti racconti, 25 dei quali sono stati selezionati dal direttore e dalla stessa redazione, per realizzare il libro ‘Ti amo, ti odio’. 25 storie che colpiscono al cuore, legate all’istante di amore folle o odio puro che le lettrici hanno provato.

L’introduzione è affidata a Maria Rita Parsi, psicoterapeuta e scrittrice nonché professionista che collabora da anni con il settimanale Mondadori. Parsi ha sapientemente tracciato un quadro di come l’amore si trasforma in odio e dove sono e origini di questi amori difficili e contrastati. Le storie sono pervenute sia alla redazione sia sul blog www.confidenze.com che il settimanale ha recentemente lanciato, dove giornaliste e blogger del magazine Mondadori possono scrivere e condividere post con gli utenti. La testata è forte di una community di lettrici sempre attive e presenti oltre che sul web anche sul territorio, grazie ad eventi che la redazione di ‘Confidenze tra amiche’ organizza nelle varie città d’Italia. ‘Ti amo, ti odio’ sarà in vendita dal 15 luglio, a 7 euro su www.shopforyou.it.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Audible e Il Libraio lanciano Audiolibraio, serie podcast dedicata agli audiolibri

Mondadori Portfolio acquisisce l’archivio fotografico di Veneranda Biblioteca Ambrosiana

Con ‘Questionable’ DigitalMde offre soluzioni customizzate ai brand che vogliono farsi riconoscere dagli assistenti vocali