Accelazione sul Ddl Rai: voto finale in Senato il 31 luglio. Il Governo presenterà un nuovo emendamento. Non integralmente sostitutivo del provvedimento, dice il ministro Boschi

(ANSA) Il voto finale sulla riforma della Rai sarà nell’Aula del Senato il prossimo 31 luglio. Lo ha deciso la conferenza dei Capigruppo di Palazzo Madama. “E’ un contingentamento mascherato”, commentano la presidente dei senatori di Sel Loredana De Petris e Michela Montevecchi del M5S. L’esame del testo riprende la prossima settimana.(ANSA)

Maria Elena Boschi (foto Olycom)

Maria Elena Boschi (foto Olycom)

(ANSA)  Un nuovo emendamento al testo di riforma della Rai “che però non sarà integralmente sostitutivo del provvedimento”. Lo ha annunciato il ministro Maria Elena Boschi durante la Conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama secondo quanto raccontano alcuni presidenti di gruppo tra cui Loredana De Petris.(ANSA).

Rai: Giacomelli, no maxiemendamento su impianto legge

(ANSA) “Non ci sarà alcun maxi-emendamento del governo né richieste di voto di fiducia. Il governo presenterà i propri emendamenti che non riguarderanno in nessun modo l’impianto della legge ma solo alcuni aspetti specifici”. Lo precisa il sottosegretario Antonello Giacomelli, chiarendo che “le parole del ministro Boschi sono state riferite in modo inesatto”. “Le parole del ministro Boschi alla conferenza dei capigruppo in Senato – spiega il sottosegretario – sono state riferite in modo inesatto: rispondendo a una domanda il ministro ha spiegato che sulla riforma Rai non ci sarà alcun maxi-emendamento del governo né richieste di voto di fiducia. Il governo presenterà i propri emendamenti che non riguarderanno in nessun modo l’impianto della legge ma solo alcuni aspetti specifici”. (ANSA, 22 luglio 2015)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi