Documenti

23 luglio 2015 | 10:53

Cresce l’uso di software per il blocco ads su tutti i dispositivi eccetto il mobile, ma ci potrebbero essere novità (INFOGRAFICA)

di Lorenza Chini – L’uso di software di blocco degli annunci pubblicitari tra i consumatori nel Regno Unito è lontano dal raggiungere proporzioni cosmiche, ma sta diventando un’abitudine sempre più comune. L’articolo di eMarketer riporta che uno studio di giugno 2015 dell’Internet Advertising Bureau UK (IAB UK), condotto da YouGov, ha rilevato che il 15% degli adulti in Gran Bretagna ha utilizzato il software di blocco degli annunci. Nel frattempo, uno studio condotto a febbraio 2015 dal Reuters Istitut per lo Studio del Giornalismo presso l’Università di Oxford, con sondaggi nuovamente effettuati da YouGov, ha indicato che quasi il 40% degli utenti Internet del Regno Unito utilizza tale software. Una cosa che entrambi gli studi illustrano chiaramente è che l’uso del blocco della pubblicità su dispositivi mobili non è molto diffuso.

Lo studio di Reuters ha indicato infatti che solo il 7% degli utenti Internet del Regno Unito aveva installato e utilizzato tale software su un telefono cellulare, contro il 34% che se ne era servito su un dispositivo desktop o laptop. Lo studio IAB UK ha rilevato che tra coloro che avevano installato e utilizzato questo tipo di software, solo il 19% lo aveva fatto da cellulare, contro un 46% che lo aveva usato su PC desktop e un massiccio 80% su computer portatili.

Ci sono diverse ragioni che giustificano questi numeri, ma la principale è che bloccare gli annunci sul cellulare non è sempre stato facile. Ad esempio, Google ha sistematicamente vietato tale software dal suo Play Store. Sembrerebbe però che il blocco annunci sul cellulare stia diventando sempre più semplice da utilizzare. eMarketer stima che quasi la metà della spesa pubblicitaria del Regno Unito nel 2016 andrà al canale mobile. Con così tanto denaro investito nella telefonia mobile, il sorgere del blocco della pubblicità potrebbe avere importanti implicazioni.