Microsoft contro il ‘revenge porn’: semplificata la procedura con cui le vittime possono chiedere la cancellazione di link che collegano alle immagini

(ANSA) Dopo Google, anche Microsoft bandisce dal suo motore di ricerca online Bing il ‘revenge porn’, cioè la pubblicazione su internet per vendetta di immagini intime di ex partner, senza il consenso di questi ultimi. La casa di Redmond ha semplificato la procedura con cui le vittime possono chiedere la cancellazione, tra i risultati delle ricerche, di link che collegano alle immagini.

Jacqueline Beauchere, online child safety officer di Microsoft

L’accesso sarà rimosso anche quando i contenuti sono condivisi su IneDrive o Xbox Live. Microsoft, in pratica, non rimuoverà le immagini dallo spazio privato di archiviazione di un utente, ma gli impedirà di creare link condivisibili che rimandano a quelle immagini. La mossa arriva dopo quella di Google, che il mese scorso ha annunciato la rimozione, dal suo motore di ricerca, dei link a foto segnalate come ‘revenge porn’, fenomeno contro cui sono scesi in campo anche social come Twitter e Reddit. “Sfortunatamente il revenge porn è in crescita nel mondo. Può danneggiare praticamente ogni aspetto della vita di una vittima: relazioni, carriera, attività sociali. Nei casi più gravi e tragici ha anche portato al suicidio”, ha scritto Jacqueline Beauchere, a capo dell’ufficio di Microsoft per la sicurezza online, in un post in cui ha annunciato il nuovo meccanismo di segnalazione. (ANSA, 23 LUGLIO 2015)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

È la stampa bellezza! Un un gruppo di ex giornalisti del Messaggero critici con Caltagirone raccontano il ‘loro’ quotidiano

Rai, ok del Cda a Foa presidente. La nomina ora passa dalla Vigilanza

MindShare si aggiudica la gara Ferrero, top spender da 130 milioni di euro