24 luglio 2015 | 11:16

Financial Times: due terzi del business è nei servizi digitali. Il calo della carta stampata contrastato dall’online (INFOGRAFICA)

di Lorenza Chini – Il Wall Street Journal tira le somme riguardo la situazione finanziaria del gruppo FT all’indomani dell’acquisizione da parte della giapponese Nikkei del Financial Times. Per Nikkei, editore del più grande quotidiano economico giapponese, l’affare è di gran lunga la più grande acquisizione all’estero. Per Pearson, la vendita del FT si compie dopo aver completato un piano di ristrutturazione biennale.  Nel mese di febbraio, Pearson aveva infatti registrato un calo dell’utile netto per il 2014 pari a £ 470 milioni, rispetto a £ 538 milioni dell’anno precedente.  Le vendite sono diminuite del 4%. Pearson prevede anche che le vendite del gruppo di quest’anno, escludendo acquisizioni e dismissioni, aumenteranno per la prima volta in cinque anni grazie ad una nuova sperimentazione in campo digital-learning. I servizi di base della società sono sempre più on-line. Dieci anni fa, i due terzi di quello che produceva e vendeva Pearson riguardava la stampa, ma ora la stessa proporzione si ritrova nel servizio digitale. Il declino della carta stampata è stato contrastato dalla forza della crescita delle abbonamenti digitali.