Editoria

28 luglio 2015 | 18:05

Mondadori chiude il primo semestre 2015 dimezzando le perdite rispetto al 2014. Ricavi in calo del 4,8%

(MF-DJ) Mondadori ha piu’ che dimezzato la perdita nei primi sei mesi dell’anno, che si sono chiusi con un rosso di 3,4 milioni di euro, rispetto alla perdita di 8,6 milioni di euro registrata al 30 giugno 2014. I ricavi netti consolidati, si legge in una nota, si sono attestati a 517,1 milioni di euro,

Ernesto Mauri, ad di Mondadori (foto Olycom)

in contrazione del 4,8% rispetto ai 543,3 milioni di euro del primo semestre 2014. Il margine operativo lordo ante non ricorrenti ha evidenziato una crescita del 32%, da 18,1 milioni di euro del primo semestre del 2014 a 23,8 milioni di euro nell’esercizio in corso, il margine operativo lordo consolidato ha registrato una crescita del 7,9%, attestandosi a 19 milioni di euro rispetto ai 17,6 milioni di euro dell’anno prima e il risultato operativo consolidato e’ risultato pari a 9,2 milioni, in aumento del 32% rispetto ai 7 milioni del 2014 per effetto dell’incremento del margine operativo lordo e della riduzione degli ammortamenti.

La posizione finanziaria netta al 30 giugno 2015 si e’ attestata a -326,5 milioni di euro, in miglioramento rispetto ai -368,9 milioni del 30 giugno 2014 per effetto della significativa generazione di cassa – in particolare dalla gestione operativa – negli ultimi dodici mesi; il confronto con il valore al 31 dicembre 2014 (-291,8 milioni di euro) include gli effetti della stagionalita’ tipica del business.

Al 30 giugno 2015 il flusso di cassa operativo degli ultimi dodici mesi e’ positivo per 59,6 milioni di euro; il flusso di cassa derivante dall’attivita’ ordinaria (dopo gli esborsi relativi agli oneri finanziari e alle imposte del periodo) e’ pari a 31,5 milioni di euro, proseguendo il trend di miglioramento registrato nei quattro trimestri precedenti.

Il flusso di cassa straordinario e’ positivo per 10,9 milioni di euro nonostante gli esborsi per ristrutturazioni, per effetto dell’incasso derivante dalla cessione di un asset in ambito retail e dell’incasso di crediti fiscali maturati negli esercizi precedenti.

Alla luce dei risultati del gruppo nel semestre, dei costanti interventi di ottimizzazione dei processi operativi e della struttura dei costi, nonche’ delle azioni finalizzate a mitigare il calo dei ricavi derivante dalla dinamica dei mercati, la casa editrice di Segrate ritiene ragionevole confermare la stima per l’esercizio 2015 di un margine operativo lordo in crescita; anche la posizione finanziaria netta e’ attesa in miglioramento rispetto a fine 2014. (MF-DJ, 28 luglio 2015)

- Leggi o scarica il comunicato stampa (.pdf)