Televisione

29 luglio 2015 | 12:26

Salgono gli utili per Sky nel 2015. Aumenta il numero di abbonati nel Regno Unito, in Germania e Austria, mentre resta stabile in Italia

(MF-DJ) Sky ha registrato nel 2015 una crescita dell’utile netto a 1,96 miliardi di sterline, rispetto agli 865 milioni di sterline dell’anno precedente. Il dato e’ stato determinato da un incremento del numero dei clienti in Regno Unito, Germania e Austria.

Jeremy Darroch

Jeremy Darroch

L’utile operativo ha visto un miglioramento del 18% a/a a 1,4 miliardi di sterline. I ricavi sono cresciuti del 5% a/a a 11,3 miliardi di sterline. Il numero dei clienti e’ aumentato del 45% a/a raggiungendo i 973.000 clienti. Nel quarto trimestre, il numero degli utenti si e’ attestato a 158.000. L’azienda ha confermato per il 2015 il dividendo a 32,8 pence, mettendo a segno un rialzo del 3% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. “Gli ultimi 12 mesi sono stati un periodo eccezionale di crescita per Sky”, ha dichiarato l’amministratore delegato Jeremy Darroch. Il gruppo britannico ha acquistato l’anno scorso le aziende consociate in Germania e in Italia da 21st Century Fox in un accordo del valore di circa 9 miliardi di dollari, creando cosi’ un colosso paneuropeo operante nel settore della pay-Tv con oltre 20 milioni di clienti in Germania, Italia, Austria, Regno Unito ed Irlanda. Sky, leader nel mercato della tv a pagamento, e’ controllata da 21st Century Fox, societa’ nata dallo scorporo delle attivita’ cinematografiche e televisive di News Corp, proprietaria di Dow Jones & Co. che insieme a Class E. controlla quest’agenzia. (MF-DJ, 29 luglio 2015)

Tv: Sky cresce in Europa, bene Italia con abbonati a 4,7 mln

(ANSA) Sky in Europa, con la capogruppo inglese che ora raggruppa anche Germania, Austria e Italia, nell’esercizio chiuso al 30 giugno scorso ha registrato un utile prima delle tasse di 2,14 miliardi di euro (+48% rispetto al 2013-2014), anche grazie a dismissioni tra le quali Sky Bet per circa 850 milioni. I ricavi sono saliti del 5% a quasi 16 miliardi battendo le stime degli analisti, con Sky Italia che da novembre – cioè da quando è consolidata a livello europeo – genera utili per oltre 35 milioni. In calo del 2,5% i ricavi, anche per minori introiti dalla cessione di parte dei diritti sulla Champions league. In Italia il ricavo medio per abbonato è stabile a 43 euro, rispetto ai 34 della Germania e ai 66 di Gran Bretagna e Irlanda. Gli abbonati in Italia – dopo tre anni di leggero calo – sono stabili a 4,725 milioni con 387mila nuovi clienti per i servizi integrativi a pagamento. Diminuiscono gli abbandoni, pari al 9,6% degli abbonati, un dato in contrazione rispetto al 10,3% di un anno fa. La Champions league (che ora verrà trasmessa da Mediaset Premium) viene ritenuta poco redditizia in termini di crescita degli abbonati, mentre il gruppo a livello europeo afferma di essere “sulla buona strada” per completare sinergie che varranno oltre 280 milioni entro il giugno 2017. (ANSA, 29 luglio 2015)

- Leggi o scarica la nota (.pdf)