Televisione

29 luglio 2015 | 19:26

Confermato il termine del 31 luglio per l’esame della riforma Rai. Paolo Romani annuncia: ostruzionismo contro atteggiamento governo

(askanews) Accogliendo la richiesta avanzata da vari senatori, a cominciare dai presidenti del gruppo Sel, Loredana De Petris e di Forza Italia, Paolo Romani, il presidente del Senato, Pietro Grasso ha sospeso i lavori dell’assemblea e ha convocato una conferenza dei capigruppo per esaminare la richiesta di fissare nuovi e meno stringenti tempi per l’esame del ddl di riforma della Rai, che in base alla precedente capigruppo, avrebbe dovuto essere licenziato da Palazzo Madama entro venerdi’ 31 luglio. (askanews, 29 luglio 2015)

Paolo Romani (foto Olycom)

Rai:Romani,ostruzionismo contro atteggiamento governo  

(ANSA) Contro la decisione di lasciare il termine per terminare l’esame della riforma Rai al 31 luglio e contro l’annuncio del governo di voler presentare 2 nuovi emendamenti al ddl, FI annuncia ostruzionismo. “Domani alle 9.30 quando scade il termine per i subemendamenti noi ne presenteremo almeno 500″ annuncia il capogruppo Paolo Romani. “E’ chiaro che con questo atteggiamento – aggiunge Romani – la maggioranza dimostra di non saper cosa fare. Noi apprezziamo la lettera di Padoan che almeno ha garantito il governo della Rai, ma non riusciamo a capire perché il termine sia rimasto quello del 31 luglio…”. “Questo provvedimento di riforma della Rai – prosegue il capogruppo di FI – contiene dei veri obbrobri. Voi lo sapete ad esempio che prevede una delega al governo a fare programmi Tv per bambini? Com’è possibile che il governo venga delegato a fare una cosa del genere?”. “Noi insomma chiediamo che venga fatta chiarezza su quello che sta succedendo e fino a che questo non avverrà – assicura – faremo ostruzionismo”. “Domani hanno promesso che, forse, faranno una nuova Capigruppo. Speriamo che la notte porti consiglio…”.(ANSA, 29 luglio 2015)