Il presidente della Commissione di Vigilanza Rai, Fico: il Governo ha troppa fretta. Per scegliere i nuovi membri del Cda serve più tempo

(MF-DJ) “Il sentimento che vedo prevalere è la fretta, la voglia di chiudere tutto e andare in vacanza, ma non e’ cosi’ che si fanno le scelte migliori per la Rai. Come si possono selezionare in 5 giorni le persone migliori con una modalita’ trasparente, fuori dalle logiche del potere e dei partiti?.

Roberto Fico (foto Olycom)

E’ impossibile”. Lo ha affermato il presidente della commissione di Vigilanza della Rai ed esponente del M5S, Roberto Fico, in un’intervista a Repubblica in merito alla lettera che il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, gli ha inviato per chiedere di procedere “quanto prima” alla nomina del Cda Rai, scaduto lo scorso 25 maggio, con la legge Gasparri senza attendere i tempi dalla Riforma Rai, ora in Senato e in via di approvazione domani, 31 luglio.

“Per non rispondere alle solite logiche spartitorie, basta rifiutarle, non serve una legge. E’ questo che chiedo alle altre forze politiche: un’assunzione di responsabilita’ per il bene della Rai”, ha aggiunto Fico spiegando che “al Senato abbiamo lavorato per avere criteri di trasparenza, onorabilita’ e competenza per i consiglieri Rai. Facciamoli valere da subito. Scegliamo nomi alti e fuori dalla politica”. Secondo Fico il governo ha voluto accelerare sulla riforma in quanto “si e’ accorto di aver agito da incompetente. Renzi ha fatto due conferenze stampa per annunciare un ddl di cui dopo un mese non c’era traccia. Quando e’ arrivato, si e’ cominciato il duro lavoro parlamentare. Il dolo e’ in questo, nel non essersi curati dell’azienda di servizio pubblico radiotelevisivo del Paese”.

Fico ha precisato che “domani” la commissione di Vigilanza Rai “si riunira’ in ufficio di presidenza per decidere il percorso”. A tal proposito “io chiedo che si nominino persone svincolate dai partiti, che abbiano competenze e indipendenza comprovate e assenza di conflitto di interessi, attraverso la selezione di curricula pubblici. Per questo servono piu’ di 5 giorni”. (MF-DJ, 30 luglio 2015)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi