L’Usigrai: con il nuovo cda Rai la spartizione è servita

(askanews) “La spartizione e’ servita. Come nelle peggiori tradizioni della partitocrazia, in pieno agosto ci si e’ affrettati a spartirsi le poltrone della Rai. Non e’ una questione di nomi, di questo o quel consigliere. E’ una questione di metodo.

Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai

Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai

Utilizzato anche da chi aveva promesso di rottamare il passato”. Lo afferma l’esecutivo dell’Usigrai in una nota. “Il CdA Rai – prosegue il sindacato dei giornalisti di viale Mazzini – e’ stato nominato con il bilancino dei partiti, senza alcun tipo di discussione sul mandato del nuovo vertice, e quindi sui profili necessari a traghettare verso il futuro la piu’ grande azienda culturale e informativa del Paese, né sul finanziamento. E tutto questo e’ ancora piu’ grave visto alla vigilia del rinnovo della Concessione di Servizio Pubblico”. “Ancora una volta i partiti hanno affermato che la Rai e’ proprieta’ loro. I cittadini possono aspettare. Per loro e per la Rai non e’ la volta buona”, conclude l’Usigrai. (askanews, 4 agosto 2015)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi