New media, TLC

05 agosto 2015 | 14:09

La smentita di Apple: non diventerà operatore mobile

(ANSA) Apple non punta a sostituire le compagnie telefoniche tradizionali diventando un operatore mobile virtuale. L’indiscrezione, lanciata dal sito Business Insider, è stata smentita dalla casa di Cupertino, che in modo inusuale è intervenuta per porre fine ai rumors.

Tim Cook, ceo di Apple (foto Olycom)

“Non abbiamo alcun piano di lanciare un operatore di telefonia mobile virtuale”, ha detto un portavoce della Mela in una nota inizialmente riportata dall’emittente Usa Cnbc. Stando alle voci diffuse in settimana da Business Insider, Apple avrebbe avuto trattative per lanciare, negli Usa e in Europa, un servizio che avrebbe consentito agli utenti di bypassare l’abbonamento con le compagnie telefoniche tradizionali. Per chiamate, sms e traffico dati su iPhone e iPad, i clienti avrebbero pagato direttamente la Mela, che a sua volta avrebbe pagato le compagnie telefoniche per l’uso di parte della loro infrastruttura. Il servizio avrebbe dovuto funzionare grazie alla Apple Sim, già introdotta su iPad, che permette di passare da un operatore all’altro in cerca della tariffa migliore. Le indiscrezioni su un ingresso di Apple nel settore della telefonia mobile sono in circolazione da anni. Un brevetto relativo a un servizio di telefonia virtuale era stato depositato dalla società già nel 2006. Per Cupertino, che solitamente non commenta le molte indiscrezioni che la riguardano, si tratta della prima smentita in questo ambito. (ANSA, 5 agosto 2015)