Alberto Trondoli, ad di Metroweb: porte aperte a Telecom Italia. Bene il piano del Governo sulla banda ultralarga, ma con i fondi pubblici si rischia di investire solo nei piccoli centri

(MF-DJ) “Con Enel stiamo dialogando, c’e’ spazio per collaborare e Telecom andra’ presa in considerazione, i nostri soci dovranno riconsiderare l’ipotesi”. Lo afferma al Corriere della Sera Alberto Trondoli, amministratore delegato di Metroweb,

dopo l’annuncio del piano Renzi da 12 miliardi per lo sviluppo della banda ultralarga. Il tema sara’ a settembre anche sul tavolo di Guido Garrone, ex Swisscom, amministratore delegato di Metroweb Sviluppo, la societa’ per il web veloce dove Wind e Vodafone si sono impegnati a entrare.

Secondo Trondoli “il piano del governo e’ un’ottima cosa, ma si rischia d’investire solo nei piccoli centri grazie ai fondi pubblici. Attendiamo il verdetto Ue sull’aiuto di Stato”. In sintesi, Metroweb tratta con Enel sulla banda ultralarga e studia la fase 2 con Telecom I., mentre procede con il cablaggio di Bologna (70% dei lavori , fine attesa entro marzo 2016), Torino (15%) e Genova (portera’ la fibra nel metro’). (MF-DJ, 12 agosto 2015)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci