13 agosto 2015 | 8:22

Exor-Economist, il commento degli editori: l’operazione punta a mantenere l’indipendenza editoriale

di Giorgio Greco – Gli editori dell’Economist hanno diffuso una dichirazione di sostegno all’operazione di aumento della partecipazione di Exor.
“Come redattori di The Economist dal 1974, accogliamo con favore l’annuncio di oggi circa la vendita del 50% del FT di partecipazione in The Economist Group. Lo facciamo perché l’operazione progettata – si sottolinea – punta a mantenere l’indipendenza editoriale di The Economist in sé, e rafforzare l’indipendenza societaria del Gruppo più ampio.

Da sinistra: Gerard Baker, Editor in Chief of The Wall Street Journal; Davan Maharaj, Editor of the Los Angeles Times Media Group; John Elkann; Marty Baron, Editor of The Washington Post; Dean Baquet, Editor of The New York Times.

Da sinistra: Gerard Baker, Editor in Chief of The Wall Street Journal; Davan Maharaj, Editor of the Los Angeles Times Media Group; John Elkann; Marty Baron, Editor of The Washington Post; Dean Baquet, Editor of The New York Times.

Nel nostro tempo, come editor di ognuno di noi ha avuto completa libertà di decidere i contenuti di The Economist e di scegliere il suo personale. Che l’indipendenza assicurato che i nostri lettori di fiducia The Economist per fornire notizie, analisi e opinioni che non sono stati influenzati da interessi commerciali, politici o di società. La fiducia tra i nostri lettori e nostri giornalisti è stata fondamentale per il successo del giornale. E ‘stato favorito dal sistema di pesi e contrappesi che ha governato gli affari di The Economist Group dal 1928 e ringraziamo Pearson e il Financial Times, per il rispetto di queste disposizioni nel corso di questi anni.
L’operazione proposta annunciata oggi sarà, a nostro avviso, mantenere e rafforzare la “costituzione” del Gruppo. Exor è azionista significativo del Gruppo per cinque anni, e il suo presidente e amministratore delegato, John Elkann, è stato un regista dal 2009. Questo ha fatto sì che una comprensione reciproca esiste già, e un forte senso di scopo comune. Inoltre, l’offerta di Exor per le azioni B della società è stato accuratamente esaminato dai quattro amministratori indipendenti, che solo può decidere per l’acquisto di tali azioni.
Gli amministratori sono soddisfatti con ampi impegni del signor Elkann circa il suo approccio alla carta e la sua indipendenza, e hanno approvato all’unanimità la transazione (a condizione che gli azionisti di approvare alcune modifiche chiave agli articoli, tra cui un limite del 50% in possesso di azioni in società). Siamo particolarmente rassicurati dagli impegni proposti che nessun azionista deterrà più del 50% del capitale emesso azioni della società, e che nessuno sarà il controllo di oltre il 20% dei diritti di voto.
Exor sarà più grande azionista del gruppo, ma non avrà il controllo. Come è stato il caso dal 1928, che il controllo rimarrà così ampiamente dispersa che, in effetti, nessun individuo o azionista ha influenza unilaterale. L’unica eccezione cruciale è questo: l’editor decide ciò che è in The Economist”.

Il documento e’ firmato da Andrew Knight (direttore 1974-1986),Rupert Pennant-Rea (direttore 1986-1993), Bill Emmott (direttore 1993-2006), John Micklethwait (redattore 2006-15) Zanny Minton Beddoes (l’editor di oggi)