Via libera alla fusione tra Yoox e Net-à-Porter. Dopo l’addio a sorpresa di Natalie Massenet sarà Federico Marchetti a guidare il gruppo

Via libera dall’Antitrust britannico alla maxi-fusione da 1,3 miliardi di euro tra i due operatori della moda online, l’italiana Yoox e Net-à-Porter del gruppo Richemont, che dovrebbe concludersi entro ottobre 2015. La Competition and Markets Authority (Cma) il 2 settembre infatti ha reso noto di non voler procedere con ulteriori approfondimenti nell’ambito della procedura avviata lo scorso luglio.

Il nuovo gruppo sarà guidato da Federico Marchetti, dopo che a sorpresa ieri, Natalie Massenet, fondatrice di Net-à-Porter e destinata a ricoprire il ruolo di ceo, ha annunciato, come seganalato da diversi siti internazionali tra i quali Bloomberg, le sue dimissioni per “esplorare nuove idee e opportunità”.
Intanto oggi a Piazza affari Yoox segna un rialzo oltre il 6%.

Natalie Massenet (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Fnsi-Usigrai-Odg: basta lottizzazione. Serve legge che liberi la Rai dai partiti

Upa e Nielsen mettono online lo storico degli investimenti adv in Italia dal 1962 a oggi

Crédit Agricole tifa Inter. Maioli a Spalletti: sponsorizziamo la Francia e vince i Mondiali, ora tocca a lei…