04 settembre 2015 | 15:19

Radio1 Rai lancia il nuovo palinsesto. Dirette 24 ore al giorno e rassegne stampa italiane ed estere

Radio1 Rai presenta la nuova programmazione per l’autunno: dirette 24 ore su 24, gr ogni mezz’ora per 37 edizioni quotidiane e tre rassegne stampa italiane ed estere ogni giorno. Inoltre un nuovo sito interattivo per lo sport.

Flavio Mucciante

Flavio Mucciante

Lo rende noto l’ufficio stampa in un comunicato. Una programmazione che si arricchisce di spazi dedicati a fili diretti e speciali, cronaca, inchieste, reportage, dopo i positivi risultati di ascolto dell’ultima rilevazione Eurisko Radio Monitor e il riposizionamento del brand con un’offerta editoriale unica nel suo genere tra i principali network radiofonici italiani. “La nostra ambizione – afferma il direttore Flavio Mucciante – è proporre una radio moderna, credibile, tutta in diretta, puntuale nel raccontare i fatti la’ dove stanno accadendo”. Diciotto ore al giorno di approfondimento giornalistico, Gr ogni mezz’ora: 34 edizioni quotidiane più tre regionali.  Un’offerta editoriale flessibile, che vuole proporre tutte le possibili chiavi di lettura di un fatto: “Radio anch’io”, alle 8.30, sarà sempre più presente con inviati sul territorio e trasmissioni in esterna,  “La radio ne parla”, alle 10.30 , punterà sul coinvolgimento diretto degli ascoltatori, che ne diventeranno di fatto redattori aggiunti in un continuo “faccia a faccia” con le istituzioni, Emanuela Falcetti metterà ogni giorno sotto inchiesta l’Italia degli sprechi, dell’inedia e del malaffare.E poi tre rassegne stampa (alle 5.30, alle 7.30 e dopo il Gr della mezzanotte),  gli highlights dei tg internazionali, americani, europei, arabi e asiatici in “Voci del mattino”,  i commenti ai fatti del giorno ma anche le piccole storie di un’ Italia che cambia con Noemi Giunta e a Francesco Graziani in “Restate scomodi”, il “Bianco e Nero” di Giancarlo Loquenzi e “Zapping”, condotta da Ruggero Po . “Una programmazione nella quale gli ascoltatori possano riconoscersi, che rappresenti realmente tutti  – continua Mucciante – una radio “di strada” nel senso più nobile del termine, la radio che trasmette dai palazzi delle istituzioni come dalla “terra dei fuochi”, alla stazione di Budapest o lungo la linea di confine tra Serbia e Macedonia, a raccontare il nuovo fronte “caldo” della tragedia immigrazione”.
Un progetto editoriale, nel quale ha un ruolo centrale lo sport: con il palinsesto autunnale parte il nuovo sito Radio1sport.Rai.it,  un portale nel quale trovare tutti i contenuti prodotti dalla rete: dal calcio alla Formula 1, dalla pallavolo al moto Gp. 43 ore di trasmissioni ogni settimana, circa 380 radiocronache di serie A, 420 di Serie B, più Champions, Europa League, Nazionale, Under.21, Coppa Italia. E poi atletica leggera, basket, tennis, rugby e le discipline cosiddette “minori”. Sezioni dedicate a podcast, audio streaming, photogallery con immagini d’epoca introvabili, clip video con gli editoriali e un blog per leggere i commenti delle voci di “Tutto il calcio” in un confronto continuo con gli ascoltatori, che potranno così interagire da qualsiasi device, esprimere le proprie opinioni, partecipare al sondaggio del giorno con risultati visibili in tempo reale, leggere in presa diretta il flusso degli sms arrivati in redazione, e votare per il Pallone d’oro , una gara ad eliminazione diretta tra i grandi miti che hanno fatto la storia del calcio. Con una nuova sfida che attende Radio1 il prossimo anno: raccontare tutte le 51 partite degli Europei di Calcio che si giocheranno dal 10 giugno 2016 in Francia.  Anche l’intrattenimento è nel segno dell’ approfondimento informativo, scelto da Radio1: Dario Ballantini  ripercorrerà, attraverso gli archivi delle Teche Rai, la storia del varietà (”RidiRai”), il grande fotografo Oliviero Toscani sfrutterà l’interazione della radio con i social network (“Non sono obiettivo”) per commentare l’attualità partendo da un’immagine, Giulia Blasi e la sua squadra di contributors scatteranno istantanee attraverso i tweet più ironici e graffianti (Hashtag Radio1),  Michele Cucuzza e Tiziana Di Simone guideranno gli ascoltatori alla scoperta delle istituzioni comunitarie  nel doppio appuntamento di “Manuale d’Europa”.
Un prodotto realizzato per essere fruibile su diverse piattaforme: mail ed sms stanno progressivamente lasciando il campo a twitter, facebook, Whatsapp, utilizzato anche per ricevere messaggi sonori. “Vogliamo essere uno dei motori della rivoluzione digitale in atto – assicura Mucciante – arricchendo la cosiddetta “radio lineare” con prodotti diversi, che ciascuno può ascoltare in qualsiasi momento della giornata: la sperimentazione delle dirette video via Periscope, avviata in estate, un estratto dei Tg internazionali alla mattina su Twitter, le foto su Instagram, i documenti d’archivio su Facebook, la copertina del Gr1 delle 8.00 e l’ultima edizione del notiziario sempre disponibile in streaming sull’applicazione RadioRai”. Nel segno della qualità l’offerta musicale di Radio1: sonorità di rete affidate ai Calibro 35, un nuovo programma, “Latitudine soul” , condotto da Luca Ward e scritto da Luca Sapio per far conoscere le grandi storie della musica afro-americana; “King Kong” con Silvia Boschero, “Music club” con John Vignola e “Stereonotte” con Mauro Zanda per un viaggio quotidiano attraverso le nuove tendenze, la musica d’autore, le interviste esclusive e una sorta di Wikipedia della musica, la storia dei più grandi personaggi e fermenti artistici dagli anni ‘50/’60 ai giorni nostri. Proposte con le quali andare a presidiare anche le nuove piattaforme digitali, le piazze virtuali dove conoscere e scambiare musica.