Dubsmash, l’app che consente di lanciare i video-selfie direttamente in rete. L’idea di tre giovani tedeschi registra 75 milioni di download

Fare un video e caricarlo direttamente in rete: ci avevano pensato l’anno scorso tre giovani tedeschi. Dubsmash è il nome dell’app che in quasi 12 mesi ha registrato 75 milioni di download, affermandosi come uno dei social a più rapida crescita. A riferilo è Corriere Economia. 

Jonas Drüppel, Roland Grenke e Daniel Taschik, ideatori di Dubsmash

Ma la domanda degli investitori è “Dubsmash diventerà la prima, vera Facebook europea?”. I numeri fanno ben sperare: l’azienda ha già raccolto 5,5 milioni di dollari da un gruppo di investitori guidati da Index Ventures, tra i quali anche l’italiano Riccardo Zacconi, capo di  King Digital e inventore della saga Candy Crush.

La società punta a realizzare ricavi pubblicitari da parte di chi vuole raggiungere le fasce di pubblico giovanile che abbandonano la tv per smartphone e tablet. Un’insidia potrebbe emergere dal copyright: nei dieci mesi di vita della piattaforma, gli utenti hanno già depositato 10 milioni di clip, molti dei quali coperti da diritto d’autore. Un’abitudine che espone la società al rischio di battaglie legali. Per evitarle, Dubsmash punta a raggiungere accordi come quello tra YouTube e i content provider , secondo cui l’azienda rimuove i contenuti coperti da copyright non appena riceve l’avviso da parte del titolare dei diritti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Cannes Lions: vincono Pritchard e P&G. Bene l’Italia con Diesel e Publicis

Vodafone lancia ho, low cost che sfida Iliad: 6,99 euro per minuti e sms illimitati e 30 Giga

Thompson (Nyt) giudica gli Ott: Google creativo, Fb complicato, Tw migliora ma sui social poca trasparenza