Giacomelli alla tavola rotonda sul Digital single market e l’industria audiovisiva: affrontare il tema dell’interoperabilità delle piattaforme. La nuova Rai perno della creatività italiana

(ANSA) “Se parliamo di armonizzazione europea e di mercato unico digitale allora dobbiamo affrontare subito anche il tema dell’interoperabilità delle piattaforme”. Così il sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli ha concluso la tavola rotonda internazionale su Digital single market e industria dell’audiovisivo che si è tenuta a Venezia, nell’ambito della 72/a Mostra del cinema.

Antonello Giacomelli, Sottosegretario di Stato del Ministero dello Sviluppo Economico con delega alle comunicazioni

“Servono una revisione profonda della direttiva media e la valorizzazione territoriale dei diritti, – ha aggiunto Giacomelli – ma l’Italia dell’audiovisivo non è certo al massimo delle sue possibilità di espansione internazionale. La nuova Rai che abbiamo in mente deve essere perno del sistema dell’audiovisivo e della creatività italiana”. L’appuntamento di Venezia, organizzato da Anica, EPC (European Producers Club), Direzione cinema del Mibact e Mostra internazionale del cinema, è arrivato a pochi mesi dalla presentazione della Strategia per il Digital single market (DSM) lanciata dalla Commissione europea il 6 maggio scorso e alla vigilia di una possibile proposta di revisione della direttiva europea sul copyright. Alla tavola rotonda hanno partecipato, tra gli altri, Anna Herold del gabinetto del commissario europeo Günther Oettinger, la presidente della Commissione cultura del parlamento europeo Silvia Costa, il produttore inglese David Puttnam, a lungo presidente di Channel 4, il regista premio Oscar Michel Hazanavicius e Yves Marmion di UGC (Francia). (ANSA, 7 settembre 2015)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi