Il Gambero Rosso approda in Borsa a fine settembre. Il presidente Cuccia: la quotazione serve a finanziare la crescita all’estero

Il Gambero Rosso va in Borsa. A fine settembre il gruppo editoriale approderà sull’Aim, il mercato di Piazza Affari delle pmi. Il marchio, come spiega ‘Il Messaggero’, cerca risorse per crescere soprattutto all’estero ma anche per ripianare parte degli 11 milioni di debiti. «Saremo l’unica guida quotata, neanche Michelin lo è», sottolinea il patron Paolo Cuccia.

Paolo Cuccia

Il manager (ex Banca Roma e Abn Amro) ha rilevato la società e oggi la guida come presidente e ad. «Per noi la Borsa è un’operazione strategica. La quotazione serve a finanziare in gran parte una crescita di livello all’estero». L’Ipo è partita ieri e si conclude il 24 settembre. La società avrà un flottante del 25% mentre l’obiettivo è raccogliere 7 milioni con un aumento di capitale, 5 destinati al retail e 2 agli investitori istituzionali.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Sky e Wavemaker in coro dal Wired Next Fest: data scientist e content manager cercansi

Il dibattito sulla crisi delle news ha bisogno di fare i conti con la realtà dei fatti

Fnsi-Uspi, primo contratto per i periodici locali. C’è anche il redattore web