Audience cinema (Audimovie, settembre 2015)

Audimovie pubblica i dati ad agosto 2015 sulle presenze al cinema. I primi otto mesi dell’anno (01/01/2015-02/09/2015) mantengono e confermano la crescita delle presenze nella Sale con un incremento verso l’analogo periodo del 2014 (02/01/2014-03/09/2014): +7,0%. I biglietti staccati nelle sale rilevate sono stati 59.504.963. Di questi 48.353.944 (l’81,3%%) sono di una delle Sale delle Concessionarie aderenti ad Audimovie: Rai Pubblicità, Moviemedia, International Cinemamedia UCI, PRS. Ecco come gli oltre 48 milioni di spettatori delle Concessionarie Audimovie si sono ripartiti tra le varie tipologie di struttura. I multisala con 8 o più schermi hanno attratto il 66,5% delle presenze; il 13,9% quelli con 6-7 schermi; il 15,9% i 3-5 schermi; il 3,0% i 2 schermi e l’1,6% i monosala.

I principali centri urbani hanno fatto registrare tutti incrementi nel numero di biglietti: Roma +0,3%, Milano +3,4%, Torino +3,6%, Napoli +6,9%, Firenze +8,8%. La media presenze per schermo cresce del 6,1% salendo a 22.687 spettatori. La top ten dei film più visti di agosto: gradino più alto per ‘Minions’, seconda e terza piazza per ‘Ant-Man’ e ‘Mission: impossible – Rogue nation’. A seguire ‘Pixels’, ‘Come ti rovino le vacanze’, ‘Spy’, ‘Left behind – La profezia’, ‘Ex machina’, ‘L’A.S.S.O. nella manica’, ‘The gallows – L’esecuzione’. Il podio dei primi otto mesi rimane invariato: ‘Cinquanta sfumature di grigio’, ‘American sniper’, ‘Fast & Furious 7’.

Dati completi sul sito www.audimovie.it

Scarica il file con tutti i dati: numero dei complessi cinematografici, numero degli schermi, giorni per schermo, presenza per schermo, presenze complessive, presenza per film in 3D e top film ad agosto 2015 (.xls)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Gedi, Mondardini vicepresidente al fianco di John Elkann. De Benedetti: con lei 9 anni di successi

Assemblea Rcs, Cairo: fusione per ora non all’ordine del giorno. Al lavoro per avere dividendo

Italia 46esima per libertà di stampa. Rsf: crescono le violenze sui giornalisti