10 settembre 2015 | 18:30

Mediaset soddisfatta degli ascolti dopo il criptaggio dei canali sul satellite: la nostra assenza toglie appeal a Sky

“La seconda giornata televisiva senza le reti generaliste Mediaset ai canali 104, 105, 106 dell’offerta Sky registra un andamento degli ascolti Mediaset in crescita netta sia in prima serata sia nelle 24 ore. Un’ulteriore dimostrazione che la pay tv satellitare non aggiungeva pubblico ai programmi Mediaset e che, al contrario, l’assenza dei contenuti di Canale 5, Italia 1 e Retequattro impoverisce l’appeal generale della piattaforma a pagamento”. Mediaset esprime soddisfazione per i risultati degli ascolti tv registrati dopo la decisione di oscurare il segnale ritrasmesso dalla piattaforma della pay tv.

Gli ascolti ottenuti da SkyUno e Fox, spostati ai canali 105 e 106, spiega la nota, “non sono minimamente paragonabili a quelli delle reti trasmesse in precedenza: ieri il canale al tasto 105 (presente anche alla posizione 108) ha registrato complessivamente lo 0,07% in prima serata e lo 0,12% nelle 24 ore, e la rete al tasto 106 ha ottenuto lo 0,18% in prima serata e lo 0,22% nelle 24 ore. Come è evidente dai risultati “zerovirgola”, un tasto non fa un canale”.

“Che la differenza d’ascolto sia determinata dai contenuti trasmessi”, continua la nota, “è confermato dal fatto che ieri le reti Mediaset siano cresciute rispetto al giorno precedente: +1,4 punti di share in prima serata (27,52%) e +0,3 punti nelle 24 ore (24,87%). In particolare, su Canale 5 ‘Paperissima Sprint’ ha conseguito il record d’ascolto stagionale con il 19,33% (+5,1 punti rispetto a lunedì 7 settembre, ultimo giorno di presenza sulla pay tv satellitare) e la puntata d’esordio della fiction ‘Squadra Antimafia’ (18,58%, 4.378.000 spettatori) ha addirittura superato gli ascolti dell’ottimo debutto della scorsa stagione (8 settembre 2014: 17,30%, 4.001.000 spettatori) quando era visibile anche sulla pay tv satellitare”. “E anche volendo considerare il confronto con lo stesso giorno della scorsa settimana”, prosegue il comunicato riprendendo quanto detto ieri da alcuni osservatori, “‘Squadra Antimafia’ ha conquistato 3,9 punti di share in più rispetto al programma in onda in prime time su Canale 5 mercoledì 2 settembre”. “In conclusione di questa prima analisi degli effetti del criptaggio satellitare, emerge il dato realmente significativo per un confronto corretto: l’andamento del day time che vede continuità e omogeneità di programmazione. Ieri Canale 5 con i suoi programmi di day time ha registrato il 15,83% di share, in crescita sia rispetto a martedì 8 settembre (+0,6 punti di share) sia rispetto a lunedì 7 (+0,6 punti) quando ancora era visibile sulla piattaforma pay”.

Federico Di Chio

Federico Di Chio

Uguale soddisfazione aveva espresso il Biscione nella serata di mercoledì 9 settembre per i dati Auditel della giornata precedente, considerati il linea “rispetto ai trend della settimana in corso”.

“Siamo pienamente soddisfatti, non si è spostata una virgola”, aveva detto Federico di Chio, Direttore Marketing Strategico Mediaset, sottolineando come l’unico confronto significativo tra martedì 8 settembre e le giornate precedenti potesse essere effettuato sul day time “che vede continuità di programmazione”. “Non ha senso invece, ed è totalmente pretestuoso, paragonare dati di prima serata che si riferiscono a programmi differenti tra loro”, continua di Chio, “ad esempio, il film trasmesso ieri da Canale 5, un quinto passaggio, con la prima puntata della nuova stagione di una fiction di successo come ‘L’onore e il rispetto’, messa in onda la scorsa settimana. Il day time delle reti generaliste Mediaset di ieri non segnala variazioni significative rispetto al giorno precedente. Canale 5 ha registrato il 15,25% di share rispetto al 15,20% di lunedì 7 settembre. Questo dimostra che quando la proposta editoriale è forte e radicata nei gusti dei telespettatori, il pubblico è pronto a cercarla ovunque essa sia, indipendentemente dalla piattaforma su cui viene trasmessa. Agli ascolti Mediaset, la pay tv satellitare non aggiunge niente”.